Yemen, giornalista torturato

Condividi nei social net

Le forze di del Consiglio di transizione meridionale (STC) sostenute dagli Emirati Arabi Uniti (EAU) nello Yemen meridionale hanno arrestato arbitrariamente un giornalista yemenita dal 17 settembre 2020, apparentemente per le sue critiche, Watch e Mwatana for Human Diritti ha detto oggi.

Una fonte vicina al giornalista, Adel al-Hasani, ha detto che le forze di sicurezza di STC lo hanno incatenato, minacciato e picchiato per confessare di aver usato il suo lavoro di giornalista per spiare all’estero. Le autorità dell’STC dovrebbero rilasciare immediatamente e incondizionatamente al-Hasani a meno che non sia stato adeguatamente accusato di un reato riconoscibile. Dovrebbero indagare e agire contro i responsabili della tortura o del maltrattamento di al-Hasani.

“Sempre più giornalisti in tutto lo Yemen sono soggetti a , intimidazioni, violenze o detenzioni semplicemente per aver svolto il loro lavoro riferendo sul paese”, ha detto Afrah Nasser , ricercatore yemenita presso Human Rights Watch, “Il trattamento deplorevole del Consiglio di transizione meridionale di Adel al -Hasani macchia ulteriormente lo spaventoso record di diritti dell’STC e dei loro sostenitori degli Emirati Arabi Uniti “.

Al-Hasani , 35 anni, è un giornalista investigativo, produttore e fissatore per giornalisti internazionali, con sede nella città portuale meridionale di Aden. Nel 2009 ha co-fondato il sito web di notizie Aden al-Ghad , che si occupa di attualità ad Aden e in tutto lo Yemen. Nel corso della guerra in Yemen, ha lavorato con giornalisti freelance internazionali e importanti organi di stampa, come BBC, CNN, Vice e altri.

Ha lavorato direttamente con i giornalisti della CNN che hanno rivelato nel 2019 che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti avevano trasferito armi acquistate dagli Stati Uniti a forze legate ad al-Qaeda, forze salafite e altri gruppi armati nello Yemen, in violazione degli accordi sauditi e degli Emirati Arabi Uniti con gli Stati Uniti. Il rapporto della CNN, per il quale al-Hasani era elencato come produttore, ha ricevuto nomination per due News e Documentary Emmy Awards alla fine del 2020.

Human Rights Watch ha parlato con una fonte a conoscenza diretta delle circostanze della detenzione di al-Hasani, oltre a tre dei suoi parenti, il suo avvocato e quattro colleghi giornalisti. La fonte ha detto che il 17 settembre, intorno a mezzogiorno, le forze di sicurezza di STC hanno fermato al-Hasani nella sua auto al checkpoint di Al-‘Alam, all’ingresso orientale del governatorato di Aden, e lo hanno arrestato.

Le forze dell’STC lo hanno portato al checkpoint di Dofus nel governatorato di Abyan dove lo hanno tenuto per alcune ore da solo in una stanza per l’interrogatorio, incatenandolo e picchiandolo con il calcio dei fucili. Gli interrogatori indossavano uniformi che indicavano che erano membri di una forza pro-STC nota come Brigate di supporto e rinforzo, ha detto la fonte.

Più tardi quella sera, le forze di sicurezza dell’STC hanno trasferito al-Hasani in un altro centro di detenzione sconosciuto, dove lo hanno anche interrogato e picchiato, ha detto la fonte. Il 19 settembre, le forze dell’STC hanno trasferito Al-Hasani a Bir Ahmed, una struttura di detenzione informale in un campo militare controllato dall’STC nel distretto di al-Buraika ad Aden e lo hanno tenuto in isolamento fino all’11 ottobre.

La fonte ha detto che la stanza a Bir Ahmed dove è stato detenuto al-Hasani era sporca e non aveva un bagno né accesso all’acqua potabile. Durante le sessioni di interrogatorio, il personale di sicurezza di STC ha ripetutamente minacciato di uccidere la famiglia di al-Hasani se non avesse confessato di spiare per paesi e gruppi stranieri. Successivamente, in una data non specificata, il personale della STC ha costretto al-Hasani a firmare un documento in cui ammetteva di essere una spia e includeva dettagli sul suo lavoro per la CNN e come fixer per giornalisti internazionali. Il 12 ottobre, al-Hasani è stato trasferito nella prigione di al-Mansoura ad Aden.

I parenti di al-Hasani hanno detto a Human Rights Watch di non aver ricevuto alcuna su di lui per 25 giorni dopo il suo arresto, nonostante le ricerche e le domande su di lui nelle stazioni di polizia e nei centri di detenzione di Aden. Hanno detto che le autorità di STC hanno negato di trattenerlo, facendolo scomparire con la forza. I suoi parenti hanno saputo dov’era solo dopo che è stato trasferito ad al-Mansoura.

Ai sensi del , un paese viola il di sparizione forzata quando le sue autorità o agenti prendono in custodia una persona e poi negano di trattenerla o non rivelano dove si trova. Le persone “scomparse” sono ad alto rischio di tortura.

Le autorità del CST hanno consentito alla moglie di al-Hasani solo sporadiche visite con lui.

L’avvocato di Al-Hasani ha affermato che l’ufficio del procuratore penale della STC avrebbe dovuto ordinare il rilascio di al-Hasani a causa della mancanza di prove materiali che egli avesse commesso un crimine. L’avvocato ha detto che l’ufficio del pubblico ministero gli ha detto di aver ricevuto l’ordine da parte dell’STC e dei funzionari degli Emirati Arabi Uniti di non rilasciare al-Hasani.

Human Rights Watch ha scritto all’STC e alle autorità degli Emirati Arabi Uniti il ​​5 febbraio 2021, chiedendo sull’arresto e il trattamento di al-Hasani durante la detenzione, ma l’STC non ha risposto e le autorità degli Emirati Arabi Uniti hanno solo confermato la ricezione della lettera.

La fonte ritiene che l’arresto di al-Hasani potrebbe essere derivato da un incontro alla fine del 2018 tra al-Hasani e un ufficiale dell’intelligence degli Emirati Arabi Uniti di nome Saeed al-Mahiri presso il quartier generale della coalizione guidata dai sauditi e dagli Emirati Arabi Uniti ad Aden. Durante l’intervista, al-Hasani ha richiesto informazioni di base sul coinvolgimento degli Emirati Arabi Uniti nello Yemen per la notizia della CNN.

La fonte ha affermato che al-Mahiri ha inviato al-Hasani messaggi di testo minacciosi, avvertendolo di smettere di rivelare dettagli sulla presenza degli Emirati Arabi Uniti in Yemen. La fonte ritiene che all’STC sia stato ordinato di detenere al-Hasani perché le autorità degli Emirati Arabi Uniti non erano soddisfatte delle notizie della CNN. I resoconti dei media locali nel 2018 hanno identificato Al-Mahiri come il capo militare delle forze degli Emirati Arabi Uniti nello Yemen meridionale che ha condotto una campagna di omicidi e altri abusi.

Human Rights Watch ha documentato numerosi abusi da parte delle forze di sicurezza sostenute dagli Emirati Arabi Uniti nello Yemen meridionale, comprese sparizioni forzate, detenzioni arbitrarie e condizioni di detenzione disumane durante la Covid-19 . In un rapporto del settembre 2020, il Gruppo di eminenti esperti delle Nazioni Unite sullo Yemen ha scoperto che gli Emirati Arabi Uniti stavano continuando le loro operazioni aeree e il supporto per le forze yemenite locali sul terreno nello Yemen meridionale, nonostante il ritiro della maggior parte delle sue truppe di terra a metà del 2019.

Fonte