Violazioni dei diritti umani in Brunei, Cina e Camerun

Tempo di lettura: 2 minuti

Il deve smettere di criminalizzare atti consensuali dello stesso sesso. I deputati condannano fermamente l’entrata in vigore del codice penale della Sharia in che introduce la pena di morte per lapidazione per atti omosessuali consensuali, sesso extraconiugale e aborto, oltre all’amputazione per furto, sia per gli adulti che per i bambini. Esprimono preoccupazione per il fatto che mentre molti paesi stanno depenalizzando atti consensuali dello stesso sesso, il è diventato il settimo paese a punirli.

I deputati sollecitano le autorità del Brunei a revocare immediatamente il codice penale della sharia e ad attenersi al diritto e agli standard internazionali. Nella risoluzione, inoltre, chiedono al Servizio europeo per l’azione esterna di prendere in considerazione l’adozione di misure a livello UE per punire le violazioni dei , come il congelamento dei beni e il divieto dei visti. La risoluzione completa sarà disponibile qui (18.04.2019).

La risoluzione sul Brunei è stata adottata per alzata di mano. La deve fermare le detenzioni arbitrarie di minoranze religiose ed etniche

Il Parlamento è preoccupato per il regime sempre più repressivo che molte minoranze religiose ed etniche, come gli uiguri, i kazakhi, i tibetani e i cristiani, stanno affrontando in Cina. La situazione si sta deteriorando rapidamente, ponendo ulteriori restrizioni sui loro diritti fondamentali. Invita il governo cinese a porre fine alle detenzioni arbitrarie, senza alcuna accusa, processo o condanna per reati, di membri della minoranza uigura e kazakha e tibetani.

Secondo le stime delle Nazioni Unite, la Cina ha messo in atto un programma di detenzione extragiudiziale, attualmente detenendo “da decine di migliaia a oltre un milione di uiguri” che sono costretti a sottoporsi a “rieducazione” politica.

I deputati sono anche preoccupati per le informazioni che il sistema del campo dello Xinjiang si è espanso in altre parti della Cina e, a questo proposito, esortano la Cina a chiudere tutti i centri di detenzione ea rilasciare le persone detenute immediatamente e incondizionatamente.

La risoluzione sulla Cina è stata approvata con 505 voti favorevoli, 18 contrari e 47 astensioni. Le autorità del devono porre fine all’uso della forza contro l’opposizione politica

Come quest’anno, le forze di sicurezza del Camerun hanno violentemente represso le proteste dell’opposizione e arrestato circa 200 sostenitori dell’opposizione, tra cui il leader politico Maurice Kamto, i deputati condannano l’uso di tali forze, richiedono un’inchiesta indipendente e trasparente sulla condotta della polizia e delle forze di sicurezza contro i manifestanti e l’immediata liberazione di tutti i detenuti detenuti per accuse politicamente motivate. Vogliono anche che il governo del paese confermi che non cercherà la pena di morte per gli attivisti politici e i manifestanti, pur ricordando che tale punizione non è stata utilizzata in Camerun dal 1997.

Il Parlamento esorta inoltre il governo del Camerun ad avviare una revisione consensuale del sistema elettorale del paese, allo scopo di garantire un processo elettorale trasparente, trasparente e credibile. L’attuale presidente del Camerun, Paul Biya, è al potere dal 1982, il che lo rende uno dei più longevi presidenti al potere al mondo.

Dal momento che le ultime elezioni presidenziali del 2018 sono state contrassegnate da sospetti di frode e segnalazioni di irregolarità, i deputati insistono affinché una revisione del sistema elettorale avvenga prima di ogni ulteriore elezione, al fine di promuovere la pace ed evitare la crisi post-elettorale. La risoluzione sul Camerun è stata approvata da una dimostrazione delle mani.

Fonte