Venezuela, Gli Stati Uniti invocano il trattato di difesa regionale sulla crisi

Tempo di lettura: 2 minuti

Gli Stati Uniti hanno invocato un patto di difesa regionale mercoledì con altri 10 paesi e l’opposizione del dopo “mosse bellicose” del regime di Nicolas Maduro. Una richiesta di invocare il Trattato inter-americano di assistenza reciproca (TIAR) è arrivata dall’opposizione venezuelana, ha affermato una dichiarazione del segretario di Stato americano Mike Pompeo, ritwittata giovedì scorso dal presidente .

“Le recenti mosse bellicose dei militari venezuelani da dispiegare lungo il confine con la , così come la presenza di gruppi armati illegali e organizzazioni terroristiche nel territorio venezuelano dimostrano che Nicolas Maduro non rappresenta solo una minaccia per il popolo venezuelano, ma le sue azioni minacciano la pace e sicurezza dei vicini del Venezuela “, ha detto Pompeo.

Il Venezuela è stato colpito da una crisi politica a gennaio, quando il leader dell’opposizione Juan Guaido si è dichiarato presidente in una sfida diretta all’autorità di Maduro sul paese da cui milioni sono fuggiti dalla privazione economica.

L’opposizione ha marchiato il leader socialista come un “usurpatore” dopo la sua rielezione dell’anno scorso in un sondaggio ampiamente considerato truccato.

Pompeo ha affermato che nella dichiarazione che invoca il patto è “il riconoscimento dell’influenza sempre più destabilizzante” che il regime di Maduro esercita sulla regione.

“Le politiche economiche catastrofiche e la repressione politica continuano a guidare questa crisi di senza precedenti, mettendo a dura prova la capacità dei governi di rispondere”, ha affermato.

“Attendiamo con impazienza ulteriori discussioni ad alto livello con gli altri partiti TIAR, mentre ci riuniamo per affrontare collettivamente l’urgente crisi che infuria in Venezuela e che attraversa i suoi confini attraverso la considerazione di opzioni economiche e politiche multilaterali”.

Martedì i capi delle venezuelane hanno dichiarato di aver iniziato a mobilitare 150.000 truppe per sul confine colombiano, dopo aver accusato la Colombia di complottare per innescare un conflitto militare.

La scorsa settimana Maduro ha riferito che la Colombia stava usando il rifiuto da parte dei dissidenti leader delle FARC di un accordo di pace per cercare di provocare un conflitto militare, e ha detto che stava mettendo le sue forze in allerta.

Nel frattempo, il presidente della Colombia, Ivan Duque, aveva accusato Maduro di proteggere i dissidenti delle FARC.

L’Assemblea nazionale venezuelana – guidata da Guaido – a luglio ha deciso di unirsi nuovamente al TIAR, che potrebbe fornire un quadro giuridico per l’intervento militare straniero.

Ma la Corte Suprema del paese ha annullato la decisione di aderire.

Guaido è sostenuto da oltre 50 nazioni, tra cui gli Stati Uniti e molti altri nel TIAR, che è stato originariamente ratificato da 23 paesi all’inizio della guerra fredda.

Cinque di questi – all’epoca tutti sotto governo di sinistra – se ne andarono nel 2012, mentre il prese le distanze nel 2004.

La , l’Ecuador, il Nicaragua e il Venezuela si ritirarono dal rifiuto di Washington di schierarsi dalla parte dell’ nel 1982, dopo aver invaso le Isole Falkland, governate dagli inglesi – reclamare l’inazione americana significava che il patto era insignificante.

Nonostante il sostegno degli Stati Uniti, Guaido non è riuscito a sloggiare Maduro, che gode ancora del sostegno di , Cina e Cuba, nonché della leadership militare del Venezuela.