Venezia non sta affondando a causa del riscaldamento globale

Tempo di lettura: 1 minuto

Una semplice ricerca farà apparire le alluvioni storiche a Venezia, dimostrando che sono ben conosciute come un fenomeno che si verifica occasionalmente – e naturalmente – da secoli. Oltre mezzo secolo fa, Venezia ha sperimentato acque di inondazione con un picco a 194 cm sopra il livello del mare, un’alluvione devastante considerando che le acque alte eccezionali [sono] quando il livello del mare misurato supera i 140 cm. al di sopra dello standard.

Sulla scia di quell’evento, che non è stato eguagliato da allora (ma ha certamente avuto concorrenza), molti gruppi si sono formati per mettere a punto strategie per affrontare le alluvioni ricorrenti a Venezia.

Secondo l ‘” High Water Information Center ” in Italia, le maree “eccezionali” si verificano circa ogni cinque anni. Sono più comuni nei mesi invernali, in particolare a novembre.

Di seguito sono riportati esempi di ” acque alte eccezionali ” a Venezia:

153 cm il 15 gennaio 1867
147 cm il 16 aprile 1936
151 cm il 12 novembre 1951
145 cm il 15 ottobre 1960
194 cm il 4 novembre 1966
144 cm il 3 novembre 1968
140 cm il 17 febbraio 1979
166 cm il 22 dicembre 1979
158 cm il 1 ° febbraio 1986
142 cm l’8 dicembre 1992
144 cm il 6 novembre 2000
147 cm il 16 novembre 2002
156 cm il 1 ° dicembre 2008
149 cm il 12 novembre 2012
154 cm il 13 novembre 2019

Il pittore Vincenzo Chilone (italiano, 1758–1839) dipinse la meravigliosa “ Veduta della piazza San Marco allagata ” che documenta l’alluvione che ebbe luogo a Venezia il 9 dicembre 1825. Se viene confrontata con una foto del 13 novembre 2019 dalla BBC si noterà una somiglia notevole.

È altamente improbabile che queste alluvioni si fermino se la gente diventa vegana o se il consiglio comunale di Venezia acquista autobus non diesel.

La natura farà sempre il suo corso.

Si ringrazia rairfoundation.com