Uso tattico di droni mortali

Tempo di lettura: 1 minuto

L’uso tattico di è stato un problema per anni – il film di successo di quest’anno ‘Angel Has Fallen’, per esempio, presentava uno spettacolare tentativo di omicidio da parte di uno sciame di droni esplosivi guidati dal – ma in realtà equipaggiando un drone per sparare a bersagli da centinaia di metri di distanza è “un po ‘un punto di svolta”, afferma Oleg Vornik, CEO del produttore australiano di droni DroneShield.

DroneShield ha costruito un solido mercato di esportazione per i suoi dispositivi DroneGun, che consente alle autorità di monitorare e inceppare i droni su aree popolate o sensibili come le celebrazioni del giorno della Bastiglia in Francia a luglio o i Giochi del sud-est asiatico di questo mese , in cui sono stati rilevati e disabilitati sette droni.

La prospettiva di droni che possono riprendersi, tuttavia, “è davvero abbastanza spaventosa”, ha detto Vornik a Information Age .

Sebbene sia sicuro che la di base di DroneShield funzionerebbe bene sia contro Songar che contro altri droni – tutti che utilizzano tecnologie simili basate su RF per trasmettere comandi al drone e trasmettere video in diretta agli operatori – l’evoluzione della potrebbe complicare la situazione come leva dei droni assassini AI e automazione per riconoscere e attaccare obiettivi senza controllo umano.

“Immagina di inviare 100 di quei droni con mitragliatrici e hai un piccolo esercito di Terminator in grado di combattere in qualsiasi tipo di situazione”, ha detto – presagendo una situazione che è già in movimento, poiché i rapporti suggeriscono che anche la è pronta ad adottare STM sciamante Kargu droni in Siria entro il prossimo anno.

Fonte : ia.acs.org.au