USA – Guerra alla droga. Trump: Aggiunge Bolivia e Venezuela a lista nera

Tempo di lettura: 1 minuto

In un nuovo memorandum per il segretario di Stato Mike Pompeo, il presidente degli . Donald Trump ha aggiunto la e il Venezuela all’elenco dei Paesi che sono importanti luoghi di transito o di produzione di droga e avverte il Messico che deve fare di più per impedire che le droghe illegali attraversino il confine.

Sul Venezuela, Trump afferma: “Continueremo anche a coordinarci da vicino con la e altri partner simili nel nostro emisfero per ripristinare la democrazia in Venezuela. Con la fine della dittatura di Maduro – afflitta da elementi – gli Stati Uniti avranno una grande opportunità. meglio lavorare con il Venezuela per fermare il flusso di droghe che lasciano il Sud America”.

Il memorandum avverte anche il Messico che deve fare di più per fermare il flusso di droghe verso gli Stati Uniti lungo il confine meridionale.

Il Messico deve fare di più per fermare il flusso di droghe letali che entrano nel nostro paese. Abbiamo bisogno che il governo messicano intensifichi i suoi sforzi per aumentare l’eradicazione del papavero da oppio, il divieto di droghe illecite, i procedimenti giudiziari e il sequestro di beni, e che sviluppi una strategia globale di controllo delle droghe; in particolare, la piena cooperazione del Messico è essenziale per ridurre la produzione di eroina e affrontare la produzione illecita di fentanil e tutte le forme di , anche attraverso i porti di ingresso di Stati Uniti“.

L’elenco completo dei Paesi: , Bahamas, Belize, Bolivia, Birmania, Colombia, , Repubblica Dominicana, Ecuador, , , Haiti, Honduras, India, Giamaica, Laos, Messico, , Pakistan , Panama, Perù e Venezuela.

Fonte
Aduc