Uova bianche o colore marroncino?

Tempo di lettura: 2 minuti

Una delle piccole sorprese che i visitatori europei trovano arrivando negli è che le uova sono bianche. Infatti l’uovo bianco – e il radicato convincimento che le uova dovrebbero perdio essere bianche – domina nel Nuovo Mondo. Il 93% della produzione Usa è di uova dal guscio bianco. È il 95% nel , il 90% nel Canada e il 75% in Brasile.

L’ invece le sue uova le vuole di un elegante marroncino chiaro. E così lo sono al 99% nel Regno Unito e al 90% in Germania, Spagna e . Solo in hanno le idee confuse al riguardo. Lì il mercato è diviso equamente, 50/50, tra i due colori. L’ invece è “zona bianca”, al 95% in Iran e al 92% in India. La Cina però è perlopiù marroncino (al 70%) e la lo è al 100%.

La differenza è genetica. Certe razze di galline depongono le uova bianche e altre quelle di colore marroncino. Il è lo stesso. In ogni paese, dominano le razze che producono le uova dal colore preferito dai locali. La percezione che quelle dalla tonalità più scura siano in qualche modo più “sane” è una pia illusione – un’illusione ora sotto attacco…

Le persone che hanno a cuore le sofferenze degli animali hanno infatti scoperto un problema con le uova marroncine: le razze che le producono tendono ad essere molto più aggressive di quelle che invece fanno le uova bianche. Perciò, è d’uso negli intensivi spuntare i becchi ai pulcini destinati alla produzione delle uova più scure di modo che non si ammazzino tra loro.

Lo “sbeccamento”, una procedura a volte compiuta con una lama rovente, non è indolore. D’altro canto, blocca la marcata tendenza dei polli d’allevamento a beccarsi reciprocamente, non di rado fino alla morte e poi al cannibalismo…

Siccome le placide galline dalle uova bianche sono molto meno inclini ad ammazzarsi tra loro, la brutale pratica dello sbeccamento serve principalmente ad ottenere i gusci scuri che piacciono tanto agli europei e a certi asiatici. Sappiate dunque regolarvi di conseguenza al : le uova “politically correct” sono bianche.

Nota Design – James Hansen