Una nuova architettura per la quarta rivoluzione industriale

Tempo di lettura: 2 minuti

Nei decenni successivi al 1945, le economie mondiali subirono un ambizioso processo di integrazione. L’Europa occidentale ha guidato la carica, rilevando tassi di crescita senza precedenti in quanto mirava a una “unione sempre più stretta”. Seguirono il Giappone e le “Tigri asiatiche”, ottenendo accesso ai mercati globali e superando le loro economie.

Agli inizi degli anni 2000, le economie dei BRIC (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) avevano stimolato il commercio internazionale a livelli mai visti prima; le ora contano per circa un quinto del PIL globale, il livello più alto della storia.

Per tutto il tempo, gli Stati Uniti hanno svolto un ruolo di primo piano, creando le strutture istituzionali che hanno sostenuto il sistema globale, assicurando rotte commerciali e pompando ricchezza nei mercati esteri.

Oggi questa mega- di sembra rallentare. In percentuale del PIL, il commercio non è più in aumento. Peggio ancora, il consenso del libero mercato si sta disfacendo.

Il mondo oggi ha bisogno di un nuovo quadro per la globale al fine di preservare la pace e accelerare i progressi. Dopo il cataclisma della seconda guerra mondiale, i leader hanno progettato una serie di strutture istituzionali per consentire al mondo postbellico di commerciare, collaborare ed evitare la guerra, prima in Occidente e infine in gran parte del globo. Di fronte a un mondo che cambia, i leader di oggi devono intraprendere di nuovo un progetto del genere.

Questa volta, tuttavia, il cambiamento non è solo di natura geopolitica o economica. La quarta rivoluzione industriale – la completa digitalizzazione del sociale, del politico e dell’ – sta tirando la trama stessa della società, cambiando il modo in cui gli individui si relazionano tra loro e al mondo in generale. In questa era, le economie, le , le comunità e la politica vengono radicalmente trasformate.

Riformare i processi e le esistenti non sarà sufficiente. I leader governativi, sostenuti dalla società civile e dalle imprese, devono creare collettivamente una nuova architettura globale. Se aspettano, o semplicemente applicano una “soluzione rapida” per riparare le carenze dei sistemi obsoleti, le forze del cambiamento svilupperanno naturalmente il loro slancio e le loro regole, e quindi limiteranno la nostra capacità di plasmare un risultato positivo.

Fonte