Una controffensiva democratica

Tempo di lettura: 2 minuti

La sopravvivenza delle società aperte è in pericolo e affrontiamo una crisi ancora maggiore: i , che minacciano la sopravvivenza della nostra civiltà.

La gamma di possibilità è molto più ampia rispetto ai tempi normali.

È più facile influenzare gli eventi piuttosto che capire cosa sta succedendo.

Di conseguenza, è improbabile che i risultati corrispondano alle aspettative delle persone.

Ciò ha già causato una diffusa .

Le società aperte non hanno sempre avuto bisogno di difendersi nel modo determinato che fanno oggi.

Circa 40 anni fa, quando mi sono fidanzato in quella che chiamo la mia politica, il vento era alle nostre spalle e ci ha portato avanti.

La era il credo prevalente.

In qualche modo, ha prevalso anche nell’Unione Sovietica fatiscente e ideologicamente fallita – ricordi lo slogan marxista “ del , unitevi”?

L’ era in ascesa e la consideravo l’incarnazione della società aperta.

Autore : (project-syndicate.org)

Note sull’autore
George Soros è senza dubbio l’investitore più potente e redditizio del mondo oggi. Soprannominato BusinessWeek come “L’uomo che muove i mercati”, Soros una volta fece un miliardo di dollari scommettendo che la sterlina britannica sarebbe stata svalutata. Soros non è solo un uomo di finanza, ma anche un pensatore con cui fare i conti. (The New York Times).

GEORGE SOROS è Presidente di Soros Fund Management, che funge da principale consulente per gli investimenti del gruppo di fondi Quantum da miliardi di dollari. Il fiore all’occhiello di Soros, Quantum Fund, è riconosciuto come il fondo di investimento di maggior successo di sempre, con un rendimento medio del 31% annuo per oltre trenta anni. Soros è un importante filantropo dal 1979. Le sue fondazioni di beneficenza sono attive in oltre cinquanta paesi e spendono quasi mezzo miliardo di dollari ogni anno per sostenere progetti in materia di istruzione, sanità pubblica, sviluppo della società civile, diritti umani e molte altre aree.