Un gruppo di 50 ciclisti pedala 400 km dalla Germania al Belgio

Tempo di lettura: 2 minuti

Ci vogliono circa quattro giorni per percorrere la distanza di 400 chilometri tra Francoforte e Bruxelles, un’impresa che i ciclisti tenteranno per una buona causa, a partire da mercoledì 28 agosto. I 50 ciclisti, che provengono da tutto il mondo, fanno parte del Il movimento Cycling4Gaza, ora al suo undicesimo anno. Il loro obiettivo è di raccogliere £ 180.000 (Dh804.000) per sostenere i progetti medici forniti da The Palestine Children’s Relief Fund.

La raccolta fondi inizierà da Mertesdorf, in Germania , alle 10 per una corsa di 60 km su una salita di 850 metri fino a Vianden, in Lussemburgo.

Il secondo giorno prevede una corsa di 78 km a Saint-Hubert in Belgio, su una ripida salita di 1200 metri.

Il terzo giorno richiede ai ciclisti di percorrere 94 km fino a Dinant con una salita di 920 metri.

E il quarto giorno mira a portare i ciclisti al parlamento europeo a Bruxelles entro le 16:00 dopo una corsa di 108 km.

I ciclisti, all’interno della comunità di Cycling4Gaza, hanno pedalato per 3000 chilometri in 10 paesi: Regno Unito, Stati Uniti, Giordania, Turchia, Francia, Italia, Germania, Paesi Bassi, Norvegia e Spagna.

Il gruppo ha raccolto oltre 1,5 milioni di sterline per progetti sanitari e di educazione sostenibili a Gaza.

I progetti combinati hanno avuto un impatto sulla vita di 15.000 bambini e 8.000 famiglie nella Striscia di Gaza e nei campi profughi palestinesi in Libano.

I 50 piloti di quest’anno sono quasi il doppio del numero che ha partecipato all’evento Cycling4Gaze nel 2018, da Boston a New York.

LEGGI DI PIÙ
I ciclisti sfidano i norvegesi all’aperto per raccogliere fondi per i bambini di Gaza

Il duo di Dubai partecipa al campionato di paddleboarding alle Hawaii

Mobilità, flessibilità e varietà sono fondamentali per il fitness

Con i soldi raccolti quest’anno, Cycling4Gaze in collaborazione con il Palestinian Children’s Relief Fund ha un piano quadruplo:

1. Invio di bambini feriti e malati all’estero per cure mediche gratuite.

2. Sponsorizzare missioni mediche per fornire cure a Gaza.

3. Sponsorizzare la terapia fisica per i bambini con paralisi cerebrale nel nord di Gaza.

4. Formazione di medici e infermieri nella cura pediatrica del cancro all’estero.

Fonte