UE: un programma spaziale da 16 miliardi di euro

Tempo di lettura: 4 minuti

La tecnologia spaziale, i dati e i servizi sono diventati indispensabili nella vita quotidiana degli europei e per l’Europa nel perseguire i propri interessi strategici. Grazie a importanti investimenti, l’UE ha un forte vantaggio nelle attività spaziali e l’industria spaziale europea è una delle più competitive. Tuttavia, ci sono molte nuove sfide e attori in tutto il mondo. Il nuovo programma spaziale dell’UE investirà di più nelle attività spaziali, adattandosi alle nuove esigenze e tecnologie, rafforzando nel contempo l’accesso autonomo dell’Europa allo spazio.

Il vicepresidente della Commissione, Maroš Šefčovič, ha dichiarato:

“Gli investimenti dell’UE nello spazio hanno già prodotto risultati di livello mondiale a vantaggio dei cittadini e delle imprese europei: oltre il 10% del PIL dell’UE dipende già da servizi spaziali e da importanti investimenti da parte l’UE ha consentito progressi che nessuno Stato membro avrebbe potuto realizzare da solo, ma dobbiamo migliorare il nostro gioco: i dati spaziali possono aiutare le nostre industrie a guidare l’Internet of Things e la guida automatizzata e aiutarci a monitorare in modo più accurato le emissioni di gas serra rendere la nostra azione per il clima più efficace che mai. ”

Elżbieta Bieńkowska , commissario per il mercato interno, l’industria, l’imprenditorialità e le PMI, ha aggiunto: “Lo spazio è importante per l’Europa Il valore delle attività spaziali dell’UE per la nostra società, la nostra economia e la nostra sicurezza è notevole. La nostra tabella di marcia è chiara: mantenere e aggiornare il infrastrutture esistenti per Galileo e Copernico, aumentare l’uso dei dati spaziali, promuovere un “NewSpace” europeo di start-up innovative e aumentare la sicurezza degli europei.Oggi stiamo trasformando la nostra ambizione e la nostra visione in un programma concreto affinché l’Europa possa rimanere un leader globale nello spazio ed è meglio equipaggiato per rispondere ai profondi cambiamenti in atto nel settore spaziale. ”

La proposta della Commissione porterà tutte le attività spaziali esistenti e nuove sotto l’ombrello di un unico programma. Il nuovo programma spaziale manterrà infrastrutture e servizi esistenti e introdurrà una serie di nuove funzionalità:

Promuovere un’industria spaziale forte e innovativa: il nuovo programma spaziale migliorerà l’accesso per le start-up spaziali al finanziamento del rischio.

Allo stesso tempo, la Commissione esplorerà la creazione di uno strumento azionario dedicato attraverso il programma InvestEU .

Il nuovo programma spaziale creerà partenariati per l’innovazione per sviluppare e acquistare prodotti e servizi innovativi;

facilitare l’accesso alle strutture di prova e di trattamento per le start-up;

e promuovere la certificazione e la standardizzazione. Il programma sarà esteso insieme a Horizon Europe , garantendo la collaborazione tra la ricerca spaziale e le azioni di innovazione;

Mantenere l’accesso autonomo, affidabile ed economicamente vantaggioso allo spazio dell’UE : l’autonomia strategica dell’Europa è particolarmente importante per quanto riguarda le infrastrutture critiche, la tecnologia, la sicurezza e la difesa. Dato che l’UE è il più grande cliente istituzionale, la Commissione aggregherà la domanda UE di servizi di lancio, fornendo investimenti e sostenendo l’uso di tecnologie innovative come i lanciatori riutilizzabili e contribuendo all’adeguamento dell’infrastruttura di terra necessaria.

Un sistema di governance unificato e semplificato : l’UE farà sì che l’aumento degli investimenti finanziari sia sostenuto da un processo decisionale efficiente, in modo che tutte le attività spaziali dell’UE siano avviate nei tempi e nei budget previsti.

La Commissione continuerà ad essere responsabile della gestione del programma generale.

L’ Agenzia spaziale europea intergovernativa (ESA), data la sua incomparabile competenza, rimarrà un importante partner nell’attuazione tecnica e operativa del programma spaziale dell’UE. L’ Agenzia europea per i sistemi globali di navigazione via satellite , che verrà ribattezzata “Agenzia dell’UE per il programma spaziale”, sosterrà sempre più lo sfruttamento e l’assorbimento del mercato delle attività spaziali dell’UE e svolgerà un ruolo maggiore nel garantire la sicurezza di tutte le componenti del programma.

La Commissione propone di assegnare il budget di 16 miliardi di euro per il 2021-2027 come segue:

9,7 miliardi di euro per Galileo e EGNOS , i sistemi di navigazione satellitare globali e regionali dell’UE : questo finanzierà investimenti continui in operazioni e infrastrutture per completare e mantenere la costellazione, lo sviluppo di un segnale di precisione potenziato e il supporto per l’assorbimento del mercato della navigazione satellitare servizi a favore di automobili autonome e connesse, Internet of Things, smart phone e gestione del traffico;

5,8 miliardi di euro per Copernicus , il programma di osservazione della terra dell’UE : ciò manterrà l’autonomia e la leadership dell’UE nel monitoraggio ambientale di alta qualità, nella gestione delle emergenze e nel sostegno alla sicurezza marittima e marittima.

Le nuove missioni di Copernico, come il monitoraggio della CO2, consentiranno all’UE di diventare un leader tecnologico nella lotta contro il cambiamento climatico, in linea con gli impegni assunti nell’ambito dell’accordo di Parigi.

I servizi di accesso ai dati e alle informazioni di Copernicus (DIAS) renderanno molto più semplice per le PMI e le start-up sfruttare i dati di Copernicus e sviluppare applicazioni innovative;

500 milioni di euro per lo sviluppo di nuovi componenti di sicurezza : il nuovo programma spaziale migliorerà le prestazioni e l’autonomia dello spazio e della consapevolezza situazionale (SSA), che aiuta a evitare le collisioni nello spazio e monitora il rientro degli oggetti spaziali sulla Terra. Affronterà anche i rischi spaziali legati alle attività solari e agli asteroidi o alle comete che minacciano le infrastrutture critiche.

Una nuova iniziativa GOVSATCOM (Governmental Satellite Communication) fornirà agli Stati membri un accesso affidabile, sicuro ed economicamente efficiente alle comunicazioni satellitari sicure e sosterrà la protezione delle frontiere della polizia, le comunità diplomatiche o la protezione civile e gli interventi umanitari.

Un rapido accordo sul bilancio generale a lungo termine dell’UE e le sue proposte settoriali è essenziale per garantire che i fondi dell’UE inizino a fornire risultati il ​​prima possibile. Ritardi simili a quelli sperimentati all’inizio dell’attuale periodo di bilancio 2014-2020 comporterebbero un rischio per gli investimenti nelle attività spaziali dell’UE – Galileo, EGNOS e Copernico – e i nuovi servizi subirebbero ritardi.

Gli investimenti nei programmi spaziali abbracciano decenni e implicano grandi rischi. Richiedono che le decisioni sulla gestione del programma siano pianificate con largo anticipo.

Un accordo sul prossimo bilancio a lungo termine nel 2019 fornirebbe una transizione senza soluzione di continuità tra l’attuale bilancio a lungo termine (2014-2020) e quello nuovo e garantirebbe prevedibilità e continuità delle attività spaziali a beneficio di tutti.

La tecnologia spaziale, i dati e i servizi sono diventati indispensabili nella vita quotidiana degli europei e svolgono un ruolo essenziale nel preservare molti interessi strategici. I grandi investimenti effettuati dall’UE hanno consentito progressi che nessuno Stato membro avrebbe potuto raggiungere da solo.

La proposta odierna si basa sulla strategia spaziale per l’Europa dell’ottobre 2016 e sulla strategia di politica industriale presentata dal presidente Juncker nel suo discorso sullo stato dell’Unione del 2017. Sono entrambi una visione strategica per un’industria intelligente, innovativa e sostenibile in risposta alla crescente concorrenza globale e ai principali cambiamenti tecnologici.

La proposta mira a garantire che l’UE rimanga un leader globale nel settore spaziale. Garantirà la continuità degli investimenti nelle attività spaziali dell’UE, incoraggerà il progresso scientifico e tecnico e sosterrà la competitività e la capacità di innovazione dell’industria spaziale europea, in particolare le piccole e medie imprese, le start-up e le imprese innovative. Sosterrà inoltre l’azione dell’UE in settori quali l’elaborazione ad alte prestazioni, il cambiamento climatico o la sicurezza.

Fonte
ec.europa.eu