Ucraina, Zelensky promette di porre fine a estrazione illegale di ambra

Tempo di lettura: 2 minuti

Il governo ucraino metterà fine all’estrazione illegale di ambra in tre province: Volyn, Rivne e Zhytomyr, ha dichiarato il presidente in un comunicato stampa dopo aver viaggiato a Zhytomyr.

“Comprendiamo che la gente sta inseguendo l’ambra, è una vera guerra dei capi del crimine, che hanno usato la polizia, la SBU, l’ufficio dell’accusa e il governo come copertura”, ha osservato il presidente.

Zelensky ha affermato che gli esperti stimano che ogni anno circa 500 milioni di dollari di ambra vengono venduti sul mercato nero in , con conseguente perdita di decine di miliardi di grivna per il governo.

Il leader ucraino ha sottolineato che i nomi dei boss criminali coinvolti in questo “business” sono noti. Tuttavia, le ammende per i cercatori sono relativamente piccole secondo le statistiche delle forze dell’ordine.

Il presidente ha chiesto le dimissioni dei capi regionali di polizia e degli uffici SBU a causa della loro possibile complicità nell’estrazione illegale di ambra.

Zelensky ha promesso che chiunque fosse coinvolto in tale estrazione illegale in Ucraina sarebbe stato punito e che nessun “regime” avrebbe aiutato le parti colpevoli ad evitare la responsabilità.

“Abbiamo visto da un elicottero cosa sta succedendo qui con la deforestazione e con l’ambra. Conosciamo tutti i nomi delle persone dietro questo saccheggio delle risorse statali. Ci occuperemo sicuramente di questo problema. Non credo che queste persone andranno lontano dal nostro paese “, afferma il servizio stampa del presidente.

Volodymyr Zelensky ha sottolineato che l’estrazione illegale di ambra ha provocato un enorme disastro ecologico, con migliaia di ettari di terra trasformati in terra desolata.

Il presidente ha chiesto il licenziamento dei capi di polizia in nove regioni di Rivne, Zhytomyr e Volyn, e ha anche chiesto le dimissioni di Andriy Kurinskiy, capo della silvicoltura provinciale di Zhytomyr e amministrazione della caccia.

Zelensky ha osservato che Kurinskiy ha già ricoperto la carica per cinque anni. “Cinque anni di saccheggio. Se non hai bisogno del governo, puoi andare a cercare un altro lavoro? Potete dimettervi da soli? ”Ha chiesto il presidente ucraino.

Oleksiy Honcharuk, vice capo dell’ufficio del presidente, ha descritto il metodo utilizzato nell’estrazione illegale di ambra.

“Con le pompe estraggono dal suolo il venti percento delle pietre, l’ottanta percento rimane. Quindi viene inviato allo scambio in Polonia, dove il settanta percento del profitto viene lasciato indietro. Alla fine, abbiamo meno del trenta percento del profitto con il venti percento delle pietre ”, ha spiegato Honcharuk.

Nel luglio 2015, l’ex presidente ucraino Petro Poroshenko ha dichiarato che il 90% delle miniere di ambra in Ucraina è stato effettuato illegalmente e con la protezione delle forze dell’ordine.

“Nessun sito opera senza polizia, procura o protezione SBU e senza protezione a livello di amministrazione regionale. Il coordinamento è eccellente. La polizia è il leader. Non ho intenzione di fare pace con questo “, ha detto Poroshenko nel 2015.

Nel novembre 2014, il Mirror Weekly ha riferito che l’estrazione dell’ambra incontrollata costava all’Ucraina circa $ 320.000 ogni giorno.

Nel settembre 2015, Delo.ua ha riferito che c’era stata un’operazione congiunta tra 525 agenti di polizia, ufficiali della Guardia Nazionale, silvicoltori, ufficiali dei servizi di emergenza, ufficiali SBU, ecologi e circa 250 membri di organizzazioni pubbliche per prevenire l’estrazione illegale di ambra nella provincia di Volyn.