Toscana Sanità: nuova legge a tutela e sostegno Terzo settore

Tempo di lettura: 1 minuto

L’obiettivo della “Norme di sostegno e promozione degli enti del Terzo settore”, illustrata all’aula dal presidente della commissione Sanità, Stefano Scaramelli (Italia Viva), è stata approvata a maggioranza dal toscano.

L’obiettivo, è quello di sostenere le attività degli Enti del Terzo settore, promuovendo lo sviluppo e il consolidamento della rappresentanza di settore e valorizzando il ruolo di questi soggetti come agenti attivi di sviluppo e coesione sociale delle comunità locali.

La norma disciplina anche l’istituzione, il funzionamento e i compiti della Consulta regionale del Terzo settore quale organo preposto a esprimere pareri e formulare proposte alla Giunta regionale e a promuovere, in accordo con quest’ultima, occasioni di confronto e consultazione, anche su specifiche tematiche. Al Consiglio regionale, aggiunge Scaramelli, si riconosce un ruolo non solo di controllo ma anche di indirizzo”.

La proposta di legge prevede anche che le pubbliche amministrazioni possano stabilire diverse agevolazioni per il terzo settore, come la concessione per un massimo di trenta anni di beni mobili e immobili, l’utilizzazione non onerosa di beni per iniziative temporanee per attività di interesse generale e forme speciali di partenariato.

Tra gli elementi introdotti con gli emendamenti durante il lavoro in commissione, ha infine ricordato Scaramelli, “è stato rafforzato il principio delle tutele e del sostegno al mondo del organizzato, senza tuttavia voler scoraggiare le iniziative spontanee individuali. Ma l’esercizio collettivo di mettersi a disposizione degli altri è, secondo noi, un elemento fondante e costitutivo dell’idea di che abbiamo in testa”.