[Toscana] Ordine Giornalisti: lettere agli iscritti per chi non dimostra compenso lavoro svolto

Tempo di lettura: 1 minuto

Nel social Net Linkedin, leggiamo: In questi gg molti tra di noi (almeno in ) stanno ricevendo lettere di espulsione dall’OdG perché non si è lavorato nei due o tre (se si è iscritti da oltre dieci anni) anni precedenti. Ora, sebbene si comprenda che se uno ha scelto di fare stabilmente altro (dal commerciante all’astronauta), forse dovrebbe restituire la tessera, non si capisce perché dovrebbe essere espulso uno che fa i corsi di aggiornamento, paga la quota annuale e lavora a tempo pieno come giornalista ma non è retribuito (come capita a me). Scrivo centinaia di articoli, recensioni, interviste, inchieste ogni anni, pubblicate anche da agenzie stampa e online regolarmente registrati come testate giornalistiche ma nessuno ha i soldi per pagare i collaboratori. E oltre a lavorare gratuitamente (come altri) adesso rischio il tesserino come se tutto il mio lavoro valesse meno di 12 necrologi a 1000 euro al mese.

Ma cos’è la professionalità?

Cosa la determina?

Qualità e continuità o la retribuzione?

E poi, un critico come me, laureato, con tutte le competenze per scrivere di arte, cinema e teatro (come faccio) perché perderebbe le proprie competenze ottenute con anni e anni di studi e lavoro?

Un medico o un avvocato, se smette di esercitare per girare il mondo o dedicarsi ai figli o altro, perde forse il proprio diritto a esercitare la medicina o l’avvocatura se si è tenuto aggiornato?

Tutto questo è assurdo.

Fonte riservata