Toronto mantiene fiducia in Google per progettare eco-quartiere futuristico

Tempo di lettura: 2 minuti

La città canadese di ha deciso, giovedì 31 ottobre 3019, di non rompere il suo impegno con il Goliath, destinato a dare vita al primo eco-quartiere futuristico progettato da uno dei giganti del web. Questo spettacolare progetto, annunciato con grande clamore nell’ottobre 2017, è apparso sempre più fragile negli ultimi mesi, poiché sia ​​l’opposizione di molti sia l’appetito di Sidewalk Labs, società consociata di Google, sono diventati più forti.

“Sidewalk Labs ha ascoltato le nostre preoccupazioni e quelle del pubblico e ha confermato che avrebbe apportato modifiche significative alla sua proposta”, ha dichiarato Stephen Diamond, presidente di Waterfront Toronto.

Waterfront Toronto, l’autorità pubblica che riunisce la città, la provincia dell’Ontario e il governo federale per riqualificare i brownfields sul lago Ontario, ha scelto due anni fa di fidarsi di questa giovanissima filiale di Alphabet, specializzata nello sviluppo . A capo di questa filiale “città intelligenti”: Dan Doctoroff, un uomo d’affari che è stato il grande manitou della a New York negli anni 2000, insieme al sindaco Michael Bloomberg.

Un vero “livello digitale”
La sua missione a Toronto: immaginare sulla parcella di cinque ettari di Quayside, molto vicino al centro città, un quartiere del ventunesimo secolo, in prima linea nella pianificazione urbana, nell’ e nell’, nell’urgenza del clima e nell’intelligenza artificiale.

Le immagini generate al computer fanno vedere alti costruiti in legno, un mix di abitazioni “convenienti”, negozi e uffici, piste riscaldate in inverno per ripulire la neve, auto e robot autonomi che evacuano i rifiuti e garantiscono consegne tramite tunnel sotterranei.

Il progetto immagina la creazione di un vero e proprio “strato digitale” che raddoppia il fisico, costituito da una miriade di sensori che raccolgono in modo massiccio tutti i dati possibili immaginabili per alimentare la del distretto e dei suoi servizi urbani, con l’aiuto di sistemi di intelligenza artificiale.

Nel corso dei mesi molti hanno espresso serie preoccupazioni in merito alla riservatezza e al possibile uso commerciale di questi dati. Un clima di sospetto rafforzato dalle dimissioni di diverse figure di problemi di privacy digitale, reclutati dall’impegno di buona volontà dei Sidewalk Labs.

Fonte