Tintorie tessili, Opzioni tecnologiche efficienti

Tempo di lettura: 2 minuti

Le nuove innovazioni di tintura e finitura sono state tradizionalmente tenute nascoste fino a quando c’è stata l’evoluzione e la tendenza a ridurre le macchine con la rapida ascesa della stampa digitale a getto d’inchiostro per i . Tuttavia, ora non esiste un calendario per l’ nella tintura poiché l’ si sta muovendo rapidamente verso un futuro più sostenibile.

Alcune aziende di macchine tessili hanno recentemente introdotto nuove opzioni commerciali per concetti come la tintura in CO 2 e altre hanno recentemente esaminato i miglioramenti nel processo di tintura cationizzata, ma la maggior parte si è concentrata sul lancio di nuove macchine tessili che possono essere adattate al tessuto esistente in allestimenti di tintorie.

L’introduzione di sofisticati sistemi per il dosaggio di prodotti chimici con grande precisione, macchine per il riscaldamento e il raffreddamento entro una frazione di grado di profilo pre-programmato e controllo di gravità e pH specifici, ha permesso ai tintori tessili di raggiungere livelli senza precedenti della prima volta tintura.

La necessità di una buona di e e di un’accurata erogazione ha anche visto un forte aumento del numero di sistemi disponibili per il tintore e la stampante, che vanno dalle macchine completamente automatizzate ad alto costo all’apparato di controllo del peso.

La finitura del tessuto è passata da metodi relativamente semplici di asciugatura a metodi interessanti e innovativi di modifica della superficie.

Le principali forze trainanti per la maggior parte degli sviluppi precedenti al 2000 sono state una migliore qualità, una coerenza, una produzione a basso costo e la necessità di prodotti nuovi e innovativi.

Lo scopo dei produttori di macchinari era in gran parte quello di consentire ai tintori di produrre più prodotti, in modo più coerente e redditizio, e il loro rifletteva questo.

Ovviamente tutti gli sviluppi per ridurre l’uso di acqua, energia e prodotti chimici hanno apportato all’, ma esso non è diventato un vero e proprio problema fino all’inizio del secolo, da quando è iniziata la evoluzione delle industrie della tintura e della finitura.

Fonte : Tevo News