Texas, futuristico pod senza conducente consegnerà la pizza a domicilio

Tempo di lettura: 2 minuti

Un fornitore globale di pizza, sta pianificando di utilizzare i pod per i suoi piatti di formaggio ai clienti affamati. L’azienda alimentare sta collaborando con una startup tecnologica californiana per un servizio di prova a Houston, in Texas, alla fine di quest’anno.

La startup ha guadagnato attenzione sin dalla sua creazione nel 2016 da Dave Ferguson e Jiajun Zhu, entrambi ex membri del team di auto autonomo di Google, ora chiamato Waymo.

All’inizio di quest’anno, la startup ha ricevuto un finanziamento di quasi $ 1 miliardo dal gigante delle telecomunicazioni giapponese SoftBank. L’interesse ha molto a che fare con il design del suo pod di consegna autonomo dall’aspetto elegante. Il veicolo senza conducente, una versione più recente della quale sarà utilizzata da Domino, è già stato testato in un servizio di prova a , in Arizona, per fornire generi Kroger alle case dei clienti.

I clienti Domino desiderosi di avere un pod senza conducente al di fuori della loro porta possono optare per il servizio di consegna speciale quando mettono online l’ordine della pizza.

I progressi del pod possono essere monitorati nell’app di Domino, che fornirà anche un codice PIN univoco per sbloccare un compartimento nel pod in modo che i clienti possano prendere la loro pizza.

Domino’s ha già collaborato con Ford per i servizi di consegna della pizza di prova a Ann Arbor, Michigan e Miami, in Florida , con il gigante dell’auto utilizzando i veicoli modificati dalla società Tech driverless Argo, acquisita dalla nel 2017.

La capsula di Nuro è nettamente diversa dal veicolo a guida autonoma di Ford in quanto è stata costruita su misura e non ha spazio per un autista di sicurezza umana. Invece, almeno per il periodo di prova, un ingegnere Nuro seguirà il pod in un altro veicolo che viaggia poco dietro.

“Siamo sempre alla ricerca di nuovi modi per innovare ed evolvere l’esperienza di consegna per i nostri clienti,” Kevin Vasconi, Domino di vice presidente esecutivo e chief information officer, ha detto in un comunicato “.

“I veicoli Nuro sono appositamente progettati per ottimizzare l’esperienza di consegna del cibo … L’opportunità di offrire ai clienti la scelta di un’esperienza di consegna senza equipaggio e ai nostri operatori una soluzione di consegna aggiuntiva durante un affollato sbalzo di negozi è una parte importante dei nostri test di . ”

Commentando la partnership, Cosimo Leipold, responsabile delle relazioni con i partner di Nuro, ha dichiarato: “Vediamo un’incredibile opportunità nell’offrire la tecnologia autonoma di livello mondiale di Nuro ai clienti di Domino, accelerando la nostra missione condivisa di trasformare il commercio locale”.

Ma non è ancora chiaro cosa pensino le persone in merito alla di veicoli autonomi, sebbene le prove ovviamente incoraggino il feedback dei clienti.

Dopotutto, con questo tipo di servizio, il cliente deve lasciare la propria abitazione e recarsi sul ciglio della strada per ritirare la pizza dal veicolo invece di riceverla dal corriere davanti alla porta.

Inoltre, la Nuro ha una velocità massima di appena 25 mph, suggerendo che un autista di consegna umana sarebbe in grado di raggiungere l’indirizzo di consegna più rapidamente.

Con lo sviluppo della tecnologia, tuttavia, i veicoli senza conducente dovrebbero aumentare la loro velocità massima.

La consegna dei pasti usando i droni sembra un modo molto più rapido – per non dire più interessante – per ricevere la cena, ma un tale sistema deve ancora affrontare una serie di ostacoli normativi.

Fonte