Telegram rimanda il lancio della piattaforma blockchain

Tempo di lettura: 1 minuto

Il progetto Telegram è stato creato dai fratelli Durov nel 2013. Nikolay Durov ha inventato lo schema di crittografia MTProto, che ha costituito la base del progetto. Il concetto principale di messenger era l’anonimato e la comunicazione sicura degli utenti. Il messaggero esisteva sui fondi personali di Pavel Durov fino al 2017.

Il progetto Telegram Open Network è principalmente associato al lavoro del messaggero Telegram, in cui si prevede di integrare la criptovaluta Grammo.

All’inizio del 2018, durante l’ ICO Telegram chiuso , ha raccolto $ 1,7 miliardi di dollari per sviluppare una piattaforma blockchain.

L’intero importo è stato ricevuto da investitori privati ​​che hanno acquistato token GRAM. Tra gli investitori compaiono personalità abbastanza famose: Abramovich, Yakobashvili, Solonin.

La piattaforma stessa è stata lanciata nell’autunno del 2018. Quindi gli sviluppatori hanno dichiarato che la rete è pronta per l’uso del 70% e che la maggior parte dei componenti è già stata finalizzata. Il lancio di testnet doveva aver luogo a gennaio 2019 ma è stato rinviato.

I test di criptovaluta chiusi sono iniziati nell’aprile 2019.

Gli sviluppatori hanno dato l’opportunità di utilizzare il loro nuovo progetto a diverse organizzazioni in tutto il mondo utilizzando la blockchain. Il test passa collegando il suo nodo alla rete TON.

I partecipanti ai test non condividono informazioni dettagliate sulle loro impressioni, ma evidenziano l’elevata velocità delle transazioni, senza nominare numeri specifici. Ulteriori test della piattaforma aiuteranno a determinare la scalabilità e le della rete, oltre a preparare TON per l’uso generale.

Il Libro bianco del progetto è stato scritto da Nikolai Durov, dove ha riassunto tutti gli aspetti positivi delle blockchain e ha proposto un’architettura innovativa per la scalabilità e il decentramento.

La gestione di Telegram fino ad oggi non rivela la data esatta del rilascio di TON, ma se non avviene prima del 31 ottobre 2019, gli investitori avranno il diritto di restituire i fondi investiti.

Fonte
en.bitcoinwiki.org