Svizzera, In migliaia protestano per paura salute 5G wireless

Tempo di lettura: 2 minuti

Migliaia di persone hanno protestato nella capitale Berna sabato per il lancio di una wireless in tutto il paese, che temono possa danneggiare la delle persone. I manifestanti, molti portatori di cartelli, si sono radunati davanti al palazzo del parlamento svizzero, nel tentativo di fermare la costruzione di più antenne compatibili con il .

“Il fatto che così tante persone siano uscite oggi è un forte segnale contro l’introduzione incontrollata del 5G”, ha dichiarato Tamlin Schibler Ulmann, copresidente di Frequencia, il gruppo che ha organizzato la .

Il piccolo principato di Monaco è diventato il primo paese in Europa a inaugurare una rete di telefonia mobile 5G a luglio basata sulla tecnologia della società cinese Huawei, che è vista dagli Stati Uniti come un grave rischio per la sicurezza.

Ma i critici in Svizzera sostengono che le elettromagnetiche emesse dal nuovo sistema comportano rischi per la salute e l’ senza precedenti rispetto alle precedenti di tecnologia mobile.

Le petizioni online hanno contribuito a convincere diversi cantoni svizzeri – a Ginevra, Vaud, Friburgo e Neuchâtel – a rimandare la costruzione di antenne per precauzione.

Anche la Federazione svizzera dei medici (FMH) ha sostenuto un approccio cauto nei confronti della nuova tecnologia.

Gli oppositori della nuova tecnologia stanno cercando di raccogliere le 100.000 firme di cui hanno bisogno per forzare un referendum sull’imposizione di una moratoria sulla tecnologia fino a quando i suoi rischi non possono essere adeguatamente valutati.

A febbraio, la Svizzera ha attribuito le frequenze 5G a tre principali operatori, Swisscom, Sunrise e Salt, e gli operatori hanno spinto la tecnologia all’avanguardia nelle pubblicità televisive e sui cartelloni pubblicitari.

All’inizio di luglio, 334 stazioni di antenne per il 5G erano operative in tutto il paese, secondo quanto riferito dalle autorità AFP.

Sono in corso diversi studi sugli impatti sulla salute della nuova tecnologia, tra cui uno dell’Organizzazione mondiale della sanità, che ha dichiarato all’AFP di aver iniziato “a condurre una valutazione del rischio degli esiti sanitari dall’esposizione ai campi in radiofrequenza”.

Lo scorso anno, inoltre, il governo svizzero ha nominato un gruppo di esperti per sondare i rischi legati all’introduzione del 5G e le loro conclusioni dovrebbero essere pubblicate entro la fine dell’anno.

Fonte
techxplore.com