Sussidi Pesca, I membri OMC si preparano a intensificare negoziati nel 2020

Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’ambito del nuovo programma di lavoro, nelle settimane del 13 gennaio, 3 febbraio, 2 marzo, 30 marzo, 20 aprile e 11 maggio si terrà un mix di incontri bilaterali, di piccoli gruppi e plenari, con l’obiettivo di concludere un accordo per frenare sussidi per la pesca dannosa all’MC12 a Nur-Sultan, , dall’8 all’11 giugno.

L’obiettivo 14.6 dell’obiettivo di sviluppo sostenibile (OSS) delle stabilisce una scadenza per il per eliminare i illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN) e per vietare alcune forme di che contribuiscono a sovraccapacità e sovrasfruttamento, con un trattamento speciale e differenziato per lo sviluppo e paesi meno sviluppati.

Il presidente del gruppo di negoziazione, l’ambasciatore Santiago Wills (), ha affermato che una riunione di alti funzionari, suggerita in precedenza da alcuni membri, potrebbe essere convocata in aprile a seconda dei progressi nei negoziati e che i capi delle delegazioni a Ginevra sarebbero stati riuniti da tempo al tempo per aiutare a colmare le divergenze.

I membri hanno anche avuto la possibilità di commentare i documenti di lavoro di sei facilitatori che descrivono le questioni nei negoziati e suggeriscono testi per alcune delle aree più avanzate come i divieti di sussidi per la pesca INN e gli stock sovrasfruttati.

I facilitatori, delegati dell’OMC incaricati di assistere il presidente, hanno chiarito che questi documenti sono stati presentati interamente sotto la propria responsabilità nella speranza che aiutino a portare avanti i negoziati, fatte salve le proposte e le posizioni originali dei membri.

Il presidente invita i membri a studiare attentamente i documenti prima della ripresa dei colloqui a gennaio e a considerarli come strumenti per trovare la convergenza nei negoziati.

I membri hanno anche ascoltato i sostenitori di due nuovi documenti. L’ ha presentato la sua proposta diffusa il 5 dicembre che avrebbe aggiunto “Stati di approdo”, o membri con porti dove attraccano i , come entità che potrebbero determinare quando si è verificata la pesca INN, innescando il divieto di sovvenzioni.

Il secondo documento è una revisione di una precedente proposta che vieta le sovvenzioni alla pesca per le navi che non battono bandiera del membro finanziatore. La revisione aggiunge due nuovi co-sponsor ( e ) e una disposizione per un possibile periodo di transizione per alcuni accordi di segnalazione esistenti.

Fonte Wto.prg