Sud-sudan, arrestati i Militari che violentarono cooperanti straniere

Tempo di lettura: 1 minuto

africa-south-sudan

I fatti risalgono all’11 luglio, quando le truppe governative sud-sudanesi, vincitrici di un confronto armato con elementi ribelli, si riversarono nel complesso alberghiero Terrain, il quale ospitava diverse organizzazioni umanitarie straniere. Per quattro ore hanno devastarono, stuprarono e uccisero i presenti.

La Associated Press ha intervistato per telefono otto sopravvissuti a quelle violenze che hanno accettato di raccontare quelle drammatiche ore, in pieno anonimato.

Tra i racconti colpisce quello di una cooperante violentata da 15 militari sud-sudanesi. Le hanno puntato un AK-47 alla testa e le hanno detto: «o hai rapporti sessuali con noi, oppure ti violentiamo e poi ti ammazziamo».

Il portavoce dell’esercito sud-sudanese, Lul Rai Koang, ha dichiarato che i militari, rei di quelle violenze, sono diciannove e già arrestati, ma risulterebbero molti di più.

Fonte

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!