Storia dell’abbigliamento nel subcontinente indiano

Tempo di lettura: 2 minuti

Gli indiani hanno principalmente indossato vestiti costituiti da cotone coltivato localmente . L’India fu uno dei primi posti in cui il cotone fu coltivato e utilizzato già nel 2500 AC durante l’ era di Harappan . I resti dell’antico indiano si possono trovare nelle statuette scoperte dai siti vicini alla Civiltà della Valle dell’Indo , le sculture scavate nella roccia , le pitture rupestri e le forme di arte umana rinvenute nei templi e nei monumenti.

Queste scritture vedono le figure di indumenti umani che possono essere avvolti attorno al corpo. Prendendo le istanze del saria quello del turbante e del dhoti , i tradizionali indiani indossati erano per lo più legati al corpo in vari modi.

Durante il periodo coloniale britannico , l’abbigliamento indiano, specialmente tra i nobili e le classi superiori istruite, cominciò a riflettere una chiara influenza europea. Lo sherwani si è evoluto come fusione tra la redingote britannica e un achkan .

I vestiti hanno subito molti cambiamenti durante il periodo coloniale in India. Ciò ha portato alla trasformazione e anche ai conflitti di casta tra i popoli.

Il cappello era anche indossato dalla gente di diverse religioni. Ciò non era dovuto alla protezione dal sole ma al rispetto. Alcuni indiani indossavano abiti occidentali quando uscivano e cambiavano a casa con i loro abiti tradizionali.

Storicamente, l’abbigliamento maschile e femminile si è evoluto da capi semplici come kaupina, langota , dhoti , Lungi , sari , gamcha e perizomi per coprire il corpo in costumi elaborati non solo utilizzati in uso quotidiano, ma anche in occasioni di festa, così come i rituali e spettacoli di danza.

Nelle aree urbane, l’abbigliamento occidentale è comune e uniformemente indossato da persone di tutti i livelli sociali. L’India ha anche una grande in termini di trame, fibre, colori e materiali di abbigliamento. A volte, i codici colore sono seguiti nell’abbigliamento in base alla religione e al rituale in questione.

L’abbigliamento in India comprende anche l’ampia varietà di ricami indiani , stampe, lavorazione a mano, abbellimenti, stili di abbigliamento. In India si può vedere un ampio mix di indumenti tradizionali indiani e stili occidentali.

In India, l’abbigliamento femminile varia ampiamente ed è strettamente associato alla , alla religione e al clima locali .

Indumenti tradizionali indiani per le del nord e dell’est sono i sari indossati con top choli ; una gonna lunga chiamato lehenga o pavada indossato con choli e un dupatta sciarpa per creare un ensemble chiamato un Gagra Choli ; o salwar kameez , mentre molte dell’India del Sud indossano tradizionalmente sari e bambini indossano il pattu langa .

I sari fatti di seta sono considerati i più eleganti. Mumbai , precedentemente nota come Bombay, è una delle capitali della indiana. In molte zone rurali dell’India si indossano abiti tradizionali.

Le donne indossano un sari, un lungo lenzuolo di stoffa colorata, drappeggiato su una semplice o fantasia camicetta. Le bambine indossano un pavé . Entrambi sono spesso modellati. Il bindi fa parte del trucco femminile.

L’ abbigliamento indo-occidentale è la fusione tra la moda occidentale e quella subcontinentale . Altri capi di abbigliamento comprende la churidar , gamucha , Kurti e kurta e sherwani .

Lo stile tradizionale dell’abbigliamento in India varia con distinzioni maschili o femminili. Questo è ancora seguito nelle aree rurali, anche se sta cambiando nelle aree urbane. Le ragazze prima della pubertà indossano una lunga gonna (chiamata langa / paawada in Andhra) e una camicetta corta, chiamata choli, sopra di essa.

Fonte testo e foto