Stop-Covid19, La Francia snobba la App di Apple e Google

Tempo di lettura: 1 minuto

Quasi quattro settimane dopo il lancio a livello nazionale della sua app centralizzata per la ricerca dei contatti StopCovid, il governo francese verifica che è rifiutata come il modello proposto dai giganti della tecnologia Apple e Google.

Parlando in una conferenza stampa per aggiornare il pubblico sui progressi dell’app la scorsa settimana, il segretario francese per l’economia digitale Cedric O, ha voluto elogiare StopCovid per la sua qualità “sovrana” , ma ha anche riferito di essere deluso sul comportamento dei francesi che non la hanno scaricata come previsto.

Il 2% della popolazione francese ha attivato l’app (1,8 milioni di attivazioni in totale) e, ben 460.000 utenti la hanno disinstallata appena hanno saputo che 68 persone, risultate positive al test per il coronavirus, hanno avuto avvertimenti minacciosi e conseguenze pesanti.

Prove aneddotiche dimostrano che StopCovid è stato accolto con sentimenti contrastanti – e l’alto numero di disinstallazioni di app lo dimostra.

Numerosi utenti hanno dichiarato di aver eliminato l’app dopo aver scoperto che StopCovid raccoglieva molte informazioni personali e più di quanto inizialmente dichiarato dal governo francese.

L’app, come strumento centralizzato, ha lo scopo di registrare gli incontri anonimi tra gli utenti in un database centrale, per consentire ai servizi sanitari pubblici di eseguire analisi sulla propagazione dell’epidemia, ma poco dopo il lancio della tecnologia, Gaetan Leurent, ricercatore presso l’Istituto Inria, ha scoperto che StopCovid è in effetti pericoloso.