Stati Uniti vietano ingresso ai cittadini stranieri da recente in Cina

Tempo di lettura: 1 minuto

L’amministrazione Trump ha dichiarato che vieterà l’ingresso negli di cittadini stranieri che sono stati di recente in . La misura straordinaria, che getterà molti piani di viaggio in disordine, arriva in risposta a un focolaio di coronavirus in rapida diffusione che ha fatto ammalare migliaia di persone in tutto il mondo e ucciso centinaia in , dove si ritiene che abbia avuto origine nella città centrale di Wuhan.

La misura temporanea entrerà in vigore domenica (2 febbraio) alle 17:00, applicando a qualsiasi cittadino straniero che è stato in Cina negli ultimi 14 giorni, ha detto Alex Azar, segretario della Segreteria per la salute e i servizi umani, durante un briefing con i media alla Casa Bianca .

Sarà fatta un’eccezione per la famiglia immediata di cittadini statunitensi e permanenti, ha detto, ma una obbligatoria di 14 giorni attende i cittadini statunitensi che hanno viaggiato nella provincia cinese di Hubei nelle ultime due settimane. Prima di questo, un ordine federale di non era stato emesso dagli anni ’60 .

Azar ha aggiunto che gli americani di ritorno da altre parti della Cina saranno sottoposti a screening in determinati porti di ingresso e gli verrà chiesto di eseguire un periodo di “autoisolamento” di 14 giorni a casa, con i funzionari sanitari locali che monitorano le loro condizioni.

Azar ha anche affermato che gli Stati Uniti stanno dichiarando un’emergenza di per il .

Tutti i voli dalla Cina saranno dirottati verso sette aeroporti: San Francisco, Seattle, Los Angeles, Honolulu, Atlanta, O’Hare a Chicago e John F. Kennedy a New York.

Oggi il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha anche avvertito gli americani di evitare tutti i viaggi in Cina a causa del coronavirus.

Fonte : qz.com