Tempo di lettura: 7 minuti

Da non confondere con il Comando spaziale degli Stati Uniti o il Comando spaziale dell’Aeronautica .
La United States Space Force ( USSF ) è il ramo del servizio di guerra spaziale proposto delle forze armate degli Stati Uniti , che è destinato ad avere il controllo sulle operazioni spaziali militari. Sarebbe il sesto ramo delle forze armate degli Stati Uniti e l’ottavo servizio americano in divisa .

Se stabilito, sarebbe organizzato come un ramo di servizio militare all’interno del Dipartimento dell’Aeronautica , uno dei tre dipartimenti militari del Dipartimento della Difesa .

La Forza Spaziale, attraverso il Dipartimento dell’Aeronautica Militare, sarebbe guidata dal Sottosegretario civile dell’Aeronautica per lo Spazio e dal Segretario dell’Aeronautica , che riferisce al Segretario della Difesa, ed è nominato dal Presidente con conferma del Senato .

L’ufficiale militare di più alto rango nella Space Force sarebbe il capo di stato maggiore della Space Force, che eserciterebbe la supervisione sulle unità della Space Force e fungerà da capo comune dello staff.

Le componenti della Space Force sarebbero state assegnate, come indicato dal Segretario della Difesa, ai comandi del combattente, e né il Segretario dell’Aeronautica, né il Capo di Stato Maggiore della Forza Spaziale avrebbero avuto autorità operativa di comando su di loro.

Oltre a svolgere operazioni spaziali indipendenti, la Space Force sarebbe responsabile della fornitura di supporto spaziale alle forze terrestri, aeree, navali e cibernetiche.

Contenuto
1 motivazione
1.1 Responsabilità delle acquisizioni divise
1.2 Dipendenza spaziale suddivisa
1.3 Conflitto di interessi dei servizi militari attuali sullo spazio
2 Ruolo e missione
3 Organizzazione proposta
4 Rapporti con altre organizzazioni
4.1 Dipartimenti e servizi militari
4.2 Comandi Combattenti Unificati
4.3 Agenzia per lo sviluppo spaziale
4.4 Intelligence Community
5 Piano di transizione
5.1 Anno fiscale 2020
5.2 Anno fiscale 2021/2022
5.3 Anno fiscale 2023/2024
6 Costi e personale stimati
7 Cronologia delle proposte
7.1 Commissione spaziale 2001
7.2 Proposta di Space Corps 2017
7.3 Proposta di Space Force
8 Vedi anche
8.1 Forze spaziali non statunitensi
9 riferimenti
10 collegamenti esterni
Motivazione

Secondo un rapporto preparato dal Centro per gli studi strategici e internazionali , hanno identificato tre principali questioni organizzative con lo spazio, identificate da una serie di studi e commissioni del Congresso, che sarebbero state affrontate da una forza spaziale .

Dividere la responsabilità delle acquisizioni
La responsabilità per le acquisizioni spaziali è frammentata tra circa 60 diverse organizzazioni all’interno del Dipartimento della Difesa e della comunità di intelligence. All’interno dei servizi militari, circa l’80% del budget dello spazio è investito nell’Aeronautica, ma altri componenti sono situati all’interno dell’Esercito e della Marina, inclusi i satelliti e il personale spaziale. Inoltre è stato riferito che il budget dello spazio di intelligence militare classificato dell’ufficio nazionale di ricognizione e di altre agenzie di intelligence potrebbe rivaleggiare con quello dell’Aeronautica.

Questa scissione di acquisizioni e autorità di bilancio tra 60 diverse organizzazioni non porta a nessuna organizzazione che detenga l’autorità o la leadership globale per lo spazio, il che si traduce in un rallentamento del processo decisionale, sforzi di acquisizione non coordinati e una mancanza di responsabilità per programmi fuori bilancio o eccessivi.

Dividere la forza lavoro spaziale
Il personale spaziale, molto simile alle acquisizioni spaziali, è disseminato nella comunità militare e dell’intelligence, con un numero troppo ridotto di individui per creare una carriera percorribile per i professionisti dello spazio. Ciò è aggravato dal movimento comune del personale dentro e fuori le scorte spaziali ogni pochi anni, il che impedisce alle persone di acquisire familiarità con il dominio spaziale.

Il ruolo tradizionale di un servizio militare è quello di organizzare le persone in comunità focalizzate sul dominio per sviluppare dottrina, strategia e politiche incentrate sul dominio. Questo viene fatto dall’esercito per il dominio di terra, la marina per il dominio marittimo e l’aviazione per il dominio aereo. I servizi attuali organizzano personale e dottrina intorno ai loro rispettivi domini. Attualmente non esiste un’organizzazione di questo tipo per lo spazio, che lascia il dominio diviso e instabile.

Conflitto di interessi dei servizi militari attuali sullo spazio
Gli attuali servizi militari, l’Esercito, il Corpo dei Marines, la Marina, l’Aeronautica e la Guardia Costiera sono tutti organizzati e allineati principalmente per perseguire la guerra nei loro domini nativi della terra, marittimi e aerei, con lo spazio che viene visto come supporto secondario funzione. Questo conflitto di interessi ha ostacolato la crescita dei professionisti dello spazio. Ad esempio, l’Air Force è stata a lungo a parlare del fatto che gli altri servizi pongono requisiti sui sistemi spaziali che l’Air Force opera senza fornire alcun finanziamento. Tuttavia, non assume questo approccio alle attività aeree che supportano gli altri servizi.

Quando i servizi militari sono costretti a scegliere tra lo spazio e il loro dominio principale, è stato storicamente dimostrato che hanno sempre scelto il loro dominio principale, che si tratti della terra, del mare o dell’aria. Ad esempio, tra l’anno fiscale 2010 e il 2014, il budget dell’Aeronautica per aeromobili e sistemi spaziali è diminuito di 1/3, ma quando il budget ha ripreso a salire, gli acquisti di velivoli sono aumentati del 50%, mentre gli appalti spaziali hanno continuato a diminuire di altri 17 % in un ambiente con budget in aumento. È stato notato che le istituzioni più potenti nella sicurezza nazionale sono i servizi militari, ma non esiste un servizio militare dedicato a promuovere le attività nello spazio esterno.

Ruolo e missione
Una volta stabilita, la US Space Force è destinata a diventare il servizio militare di punta per le operazioni spaziali, responsabile della dottrina spaziale, dell’organizzazione, della formazione, del matériel , della leadership e dell’istruzione, del personale, delle strutture e della politica.

La Space Force sarebbe organizzata con le missioni di: Proteggere gli interessi degli Stati Uniti nello spazio e l’uso pacifico dello spazio per tutti i responsabili, coerenti con tutte le leggi applicabili, al diritto internazionale; Assicurare l’uso illimitato dello spazio per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e gli interessi economici, nonché di quello per tutti gli alleati degli Stati Uniti; Per scoraggiare l’aggressione contro gli Stati Uniti, i suoi alleati e gli interessi da atti ostili in e dallo spazio; Assicurare che le capacità spaziali siano integrate e disponibili per tutti i comandi combattenti; Per proiettare il potere militare in, da, e per lo spazio a sostegno degli interessi degli Stati Uniti; E per sviluppare, mantenere e migliorare i professionisti dello spazio di sicurezza nazionale.

La Space Force svilupperebbe forze per: consapevolezza della situazione spaziale; operazioni via satellite e operazioni globali, integrate, di comando e controllo delle forze spaziali militari; operazioni spaziali militari a livello mondiale e teatrale per consentire campagne congiunte (includere l’allarme missilistico); supporto spaziale alle forze terrestri, aeree, navali e cibernetiche; operazioni di cambio di spazio e spaziali; rilevamento di detonazione nucleare spaziale; e operazioni spaziali offensive e difensive tempestive e sostenute per raggiungere la superiorità spaziale.

Organizzazione proposta
Inizialmente la Space Force sarebbe stata organizzata come servizio militare all’interno del Dipartimento dell’Aeronautica, ma in seguito sarebbe stata trasferita al Dipartimento della Space Force, con il tempo di essere determinato da una revisione del periodo. La Space Force unirebbe le forze spaziali e le autorità militari esistenti. La Space Force non includerebbe l’ ufficio nazionale di ricognizione , l’ amministrazione nazionale aeronautica e spaziale , l’ amministrazione nazionale oceanica e atmosferica o altre agenzie spaziali non militari.

Se approvato dal Congresso, il Segretario dell’Aeronautica avrebbe la responsabilità generale dell’organizzazione, dell’addestramento e dell’equipaggiamento dell’Aeronautica e della Forza Spaziale. Se del caso, la Space Force farebbe leva sull’infrastruttura Air Force esistente, eccetto nell’eseguire quelle funzioni che sono uniche nel dominio spaziale o che sono centrali per l’indipendenza del nuovo servizio militare.

La Space Force assumerebbe la responsabilità di tutti i principali programmi di acquisizione spaziale, oltre a gestire un budget distinto e separato, garantendo l’indipendenza dagli altri servizi. La Forza Spaziale includerebbe tutto il personale in divisa e civile all’interno del Dipartimento della Difesa che dirige e supporta le operazioni spaziali, centralizzando la gestione dello spazio professionale. La Space Force avrebbe anche creato percorsi di carriera per il personale spaziale militare e civile, includendo operazioni, intelligence, ingegneria, scienza, acquisizioni e cyber. Mentre istituiva la Space Force, il Dipartimento della Difesa avrebbe utilizzato i trasferimenti interservizi, l’ingresso laterale iniziale, le autorità di gestione diretta, gli incentivi alla carriera e i bonus di retention e le deroghe alla politica di adesione.

Il capo militare della Space Force sarebbe il capo di stato maggiore della forza spaziale (CSSF), che sarebbe un ufficiale nel grado di O-10. Il Capo di Stato Maggiore sarà membro a pieno titolo dello Stato maggiore e sarà il principale esperto militare e difensore della forza spaziale. Un Sottosegretario dell’Aeronautica Militare per lo Spazio, noto come Sottosegretario per lo Spazio, sarebbe stato nominato per fornire una supervisione civile, sotto la direzione del Segretario dell’Aeronautica.

Rapporti con altre organizzazioni
Dipartimenti e servizi militari
La Space Force garantirà capacità spaziali, dottrina, addestramento e competenza per supportare le rispettive missioni di Esercito, Corpo dei Marines, Marina, Aeronautica e Guardia Costiera.

Comandi Combattenti Unificati
Come con tutti gli altri servizi, la Forza Spaziale fornirà forze appropriatamente organizzate, addestrate e equipaggiate ai comandi del combattente, con la preponderanza delle forze fornite al Comando Spaziale degli Stati Uniti , tuttavia le forze sarebbero fornite a tutti i comandi combattenti per integrare le capacità e la dottrina dello spazio in tutti gli aspetti della pianificazione e delle operazioni.

Space Development Agency
Inizialmente destinato ad essere alzato in piedi come un’agenzia di acquisizioni congiunte, l’Agenzia per lo sviluppo spaziale sarebbe stata infine trasformata nella Space Force.

Intelligence Community
La Space Force, in collaborazione con la comunità di intelligence , identificherà, darà la priorità e sosterrà le capacità di intelligence, il personale, la formazione e i costrutti organizzativi necessari per fornire supporto di intelligence alle missioni spaziali DoD e IC. Per garantire l’integrazione con l’Ufficio nazionale di ricognizione, la Space Force assumerebbe le funzioni attualmente eseguite dagli elementi del comando spaziale dell’Aeronautica all’interno della NRO.

Piano di transizione
La Space Force è prevista per un periodo di cinque anni, da FY 2020 a FY 2024. Il Segretario della Difesa, in coordinamento con i segretari del dipartimento militare e i capi dei servizi militari esistenti, determinerebbe quali forze di servizio sarebbero passate al Space Force.

Fiscal Year 2020
Se approvato dal Congresso, il Dipartimento della Difesa avrebbe dapprima stabilito l’elemento di quartier generale della Space Force, consentendo alla Space Force di integrare meglio le sue forze operative. Le dimensioni iniziali della sede centrale ammonterebbero a circa 200 membri del personale militare e civile, con la maggior parte delle competenze in materia di politica, pianificazione, gestione del personale, gestione finanziaria, legale e altre funzioni di supporto del servizio. Inoltre, sarebbe nominato un capo di stato maggiore della Space Force e sottosegretario per lo spazio.

Anno fiscale 2021/2022
Il trasferimento della maggior parte delle forze spaziali dagli altri servizi militari si verificherebbe tra il 2021 e il 2022. Ciò includerebbe rilevanti elementi operativi spaziali, elementi di acquisizione, elementi di formazione e istruzione e altre entità specifiche dello spazio identificate.

Anno fiscale 2023/2024
Il periodo di transizione dovrebbe terminare nel FY 2024, con la Space Force che espande e sviluppa le sue capacità. Si prevede che la Forza Spaziale creerà nuove forze operative, nonché supporto organico, intelligence e capacità educative.

Costi stimati e personale
Mentre inizialmente si alzavano 200 persone nell’anno 2020, si prevede che la forza spaziale raggiunga i 15.000 membri del personale, trasferiti dai servizi militari esistenti, entro il 2024. Alla fine di questo periodo di transizione, il 95% del budget della Space Force dovrebbe essere composto da fondi trasferiti dagli altri servizi militari, con solo un ulteriore aumento di $ 500 milioni (0,07% del budget DoD) richiesto all’anno. Si stima che la crescita totale dei costi aggiuntivi in ​​questi cinque anni sia inferiore a $ 2 miliardi, o circa lo 0,05% del budget DoD per lo stesso periodo.

Fonte: Wikipedia