Stati Uniti, Snam Italia cerca partecipazione a gasdotto da $6 mld

Tempo di lettura: 2 minuti

Snam sta lavorando a un’offerta per una partecipazione in un da 6 miliardi di dollari negli , in quella che sarebbe la prima incursione del gruppo gas al di fuori dell’Europa; hanno detto quattro fonti a Reuters.

La società con sede a Milano, controllata dal prestatore statale Cassa Depositi e Prestiti, sta effettuando la dovuta diligenza per acquistare una quota del 33% venduta da Energy Transfer LP nel suo gasdotto Rover, una delle fonti ha detto.

Il gasdotto Rover di 713 miglia può trasportare giornalmente 3,25 miliardi di piedi cubi di gas dai giochi di scisto di Marcellus e Utica negli Appalachi.

È supportato da Energy Transfer con una quota del 33% e due : Energy & Minerals Group (EMG) e Blackstone Group – che hanno il restante 67%.

Snam, il più grande operatore di in Europa, che ricava la maggior parte dei suoi soldi dalla trasmissione del gas in Italia, sta lavorando con JPMorgan sull’accordo, secondo le fonti.

Snam e JPMorgan hanno rifiutato di commentare mentre Energy Transfer non era immediatamente disponibile per un commento.

Il gasdotto Rover sposta il dall’Ohio, dalla Virginia dell’ovest e dalla Pennsylvania verso altre parti del Midwest degli Stati Uniti e su nel Michigan, dove può anche essere convogliato in Canada.

Il processo di asta per la partecipazione di Energy Transfer in Rover è in una fase avanzata, secondo tre fonti, e anche altri offerenti hanno mostrato interesse per l’asset.

Snam, guidato dall’amministratore delegato Marco Alverà, potrebbe presentare un’offerta congiunta con alcuni investitori finanziari per aumentare la sua potenza di fuoco, ha affermato una delle fonti.

In precedenza aveva collaborato con l’investitore dello stato di Abu Dhabi Mubadala e EIG Global Energy Partners per fare offerte per il gasdotto TAG di Petrobas in ottobre, ma ha perso un consorzio guidato dalla francese Engie.

La società italiana sta inoltre valutando se EMG e Blackstone sarebbero disposti a vendere le loro quote nel gasdotto Rover e incassare con Energy Transfer.

Snam, che gestisce anche attività di stoccaggio del gas e di gas naturale liquefatto (GNL), ha precedentemente dichiarato di essere pronta a monitorare le opportunità in Italia e all’estero che soddisfano i suoi criteri di investimento.

La società sta svolgendo un ruolo di primo piano nell’integrazione delle reti europee e sta investendo nel gasdotto Trans Adriatico che porterà il gas azero in Italia nel 2020.

L’anno scorso ha guidato un consorzio che ha acquistato una quota di maggioranza nel gestore di reti greche DESFA.

Snam ha generato ricavi per 2,58 miliardi di euro nel 2018 e ha realizzato profitti operativi per 1,4 miliardi di euro.

Fonte
Reuters