Stati Uniti, Quarto bambino nato da sperimentazione clinica di trapianto utero

SYDNEY, NSW - JUNE 07: A pregnant woman holds her stomach June 7, 2006 in Sydney, Australia. Australia is currently enjoying a baby boom, with the Australian Bureau of Statistics registering a 2.4% increase in births from 2004 to 2005, which represents the highest number of births since 1992. The Australian Federal Government has been encouraging people to have more babies, with financial incentives and the slogan by treasurer Peter Costello to "have one for mum, one for dad, and one for the country". The Federal Government has identified falling fertility rates and the ageing population as long-term problems for Australia's growth and prosperity. (Photo by Ian Waldie/Getty Images)

Tempo di lettura: 2 minuti

Questa è la quarta nascita della clinica sul trapianto di utero presso il Baylor di Dallas, condotta attraverso il Baylor Scott e il White Research Institute. Il trapianto di utero è un’opzione di trattamento dell’infertilità innovativa per le donne con infertilità del fattore uterino assoluto, il che significa che il loro utero è non funzionante o inesistente.

I ricercatori del Baylor University Medical Center hanno completato 20 trapianti di utero nell’ambito della sperimentazione clinica, rendendolo il più grande programma al mondo. Ma l’obiettivo finale è quello di essere in grado di offrire questa opzione a qualsiasi donna con infertilità del fattore uterino.

Dopo essere stata diagnosticata all’età di 16 anni con la di Mayer-Rokitansky-Küster-Hauser (MRKH), un disturbo congenito del sistema riproduttivo femminile in cui c’è un utero sottosviluppato o nessun utero, a Kayla è stato detto che non sarebbe mai stata in grado di ottenere incinta. Nonostante la , ha continuato a credere che forse un giorno, con l’aiuto dei progressi della , avrebbe portato suo figlio.

All’inizio del 2019, Kayla, 28 anni, è rimasta incinta attraverso la in vitro dopo aver ricevuto un utero trapiantato da un donatore vivente altruista alla fine del 2017. A settembre 2019, Kayla e Lance hanno accolto la loro bambina attraverso un taglio cesareo. Il trapianto e la consegna sono avvenuti entrambi presso il Baylor University Medical Center di Dallas.

Un nuovo studio rivela la comunicazione mediata da esosomi tra madre e bambino
Gli Edwards sono alcuni dei primi partecipanti a condividere apertamente il loro viaggio con la speranza di sensibilizzare altre famiglie che combattono l’infertilità. Kayla spera che condividere il suo viaggio unico in contribuirà a sensibilizzare MRKH.

“Mi è stato detto in così giovane età che non sarei mai stata incinta e poi guardare ora mia figlia è un sogno diventato realtà. Spero che condividere i dettagli della mia battaglia con l’infertilità e il viaggio di gravidanza aiuta a sensibilizzare e porta speranza agli altri nel MRKH comunità “, ha detto Kayla.

Il team multidisciplinare del Baylor University Medical Center e del Baylor Scott & White Research Institute offre un ambiente unico per studiare, consigliare e fornire cure ai partecipanti alla sperimentazione clinica.

Kayla e Lance Edwards sono entusiasti di annunciare pubblicamente la nascita della loro figlia Indy Pearl Edwards attraverso uno studio clinico sul trapianto di utero presso il Baylor University Medical Center di Dallas, una parte di Baylor Scott & White Health.

“Lance ed io siamo felicissimi di annunciare la nascita della nostra figlia miracolosa, che speriamo non solo di portare gioia nella nostra vita, ma di sperare in altre donne che combattono l’infertilità”, ha detto Kayla. “Abbiamo scalato tutte le montagne possibili per arrivare qui e sentirci così benedetti.”

Fonte
news.bswhealth.com