Stati Uniti, Il controverso accordo di Google con oltre centocinquanta ospedali

Tempo di lettura: 1 minuto

Il colosso digitale , attraverso la sua piattaforma di hosting dati online ( Cloud), ha siglato un accordo con Ascension, uno dei maggiori operatori sanitari negli , che gestisce duemila seicento siti di , tra cui 150 ospedali e 50 case di cura.

Il contratto – il più grande negoziato da Google nel settore – prevede il trasferimento di cartelle cliniche complete: identità del paziente, diagnosi, risultati dei test, antecedenti.

L’obiettivo è provare a sviluppare, attraverso l’analisi dei dati e l’utilizzo dell’ (AI), strumenti per suggerire ai medici esami complementari, benefici o trattamenti aggiuntivi o anche identificare anomalie nel corso delle cure, ma secondo il giornale ., “i pazienti non sono stati informati” di questa trasmissione di informazioni personali.