SpaceShipOne, velivolo sperimentale spaziale sub-orbitale

Tempo di lettura: 2 minuti

SpaceShipOne è un velivolo sperimentale con propulsione ad aria con propulsione spaziale con capacità di volo spaziale sub-orbitale a velocità fino a 900 m / s (3000 ft / s), utilizzando un motore a razzo ibrido . Il design è caratterizzato da un esclusivo sistema di rientro atmosferico ” piumato ” in cui la metà posteriore dell’ala e i bracci della coda doppia si piegano di 70 gradi verso l’alto lungo una cerniera che percorre la lunghezza dell’ala; aumentando la resistenza mantenendo la stabilità.

SpaceShipOne ha completato il primo volo spaziale privato con equipaggio nel 2004. Nello stesso anno ha vinto il premio Ansari X Prize da 10 milioni di dollari ed è stato immediatamente ritirato dal servizio attivo. La sua nave madre è stata nominata ” cavaliere bianco “. Entrambi i velivoli furono sviluppati e pilotati da Mojave Aerospace Ventures , che era una joint venture tra Paul Allen e Scaled Composites , la compagnia aerea di Burt Rutan . Allen ha fornito il finanziamento di circa US $ 25 milioni.

Rutan ha indicato che le idee sul progetto sono iniziate già nel 1994 e che il tempo di sviluppo a tempo pieno dei traguardi del 2004 era di circa tre anni.

Il veicolo in primo luogo ha realizzato il volo supersonico il 17 dicembre 2003, che era inoltre il centesimo anniversario dello storico primo volo a motore dei fratelli Wright .

Il primo volo spaziale ufficiale di SpaceShipOne, noto come flight 15P , è stato pilotato da Mike Melvill .

Qualche giorno prima di quel volo, il Mojave Air and Space Port è stato il primo porto spaziale commerciale autorizzato negli Stati Uniti. Poche ore dopo quel volo, Melvill divenne il primo astronauta commerciale statunitense autorizzato. Il nome del progetto complessivo era ” Tier One ” che si è evoluto in Tier 1b con l’obiettivo di portare nello spazio i primi passeggeri di una nave successiva.

I risultati di SpaceShipOne sono più paragonabili all’X-15 rispetto ai veicoli spaziali in orbita come lo Space Shuttle . Accelerare una navicella spaziale a velocità orbitale richiede più di 60 volte la stessa energia dell’accelerazione a Mach 3. Avrebbe inoltre bisogno di un elaborato schermo termico per dissipare in modo sicuro l’energia durante il rientro.

Fonte