SoftBank proseguirà con l’offerta pubblica d’appalto WeWork questa settimana

Tempo di lettura: 2 minuti

SoftBank Group Corp lancerà questa settimana un’offerta pubblica precedentemente concordata per un massimo di $ 3 miliardi di azioni WeWork, compresi fino a $ 970 milioni di proprietà del fondatore della società di condivisione uffici Adam Neumann, hanno detto due persone che hanno familiarità con la questione.

L’offerta pubblica a fondatori, investitori e dipendenti che possedevano azioni avrebbe dovuto essere lanciata all’inizio di questo mese, ma è stata posticipata dopo che SoftBank ha richiesto revisioni tecniche dei documenti di offerta, secondo le fonti. Andrà avanti in base ai termini precedentemente annunciati a $ 19,19 una quota WeWork non appena lunedì, hanno detto queste persone.

Giovedì scorso, Bloomberg ha riferito che i dirigenti di SoftBank, la gigantesca società giapponese di tecnologici, stavano cercando un modo per ridurre le dimensioni dell’offerta, compreso limitare l’importo pagato a Neumann. Il rapporto afferma che alcuni dirigenti di SoftBank ritengono che il pagamento a Neumann sia stato troppo generoso.

Le persone che hanno familiarità con la questione hanno detto che non ci sono state tra WeWork e SoftBank sul cambiamento dei termini dell’offerta, che una delle fonti ha detto che avrebbe potuto aprire SoftBank a cause legali da Neumann e altri.

I portavoce di SoftBank e WeWork si sono entrambi rifiutati di commentare.

L’offerta è una parte cruciale del salvataggio da $ 9,5 miliardi di SoftBank di WeWork concordato in ottobre. SoftBank sta inoltre fornendo $ 6,5 miliardi di debito e azionari alla società, che ha subito enormi perdite e si è rapidamente esaurita la liquidità.

Apre a SoftBank il controllo di circa l’80% di WeWork e fa parte di un accordo con Neumann che lo vedrà rinunciare al controllo del voto della società e lasciare il consiglio.

Oltre ai soldi che Neumann otterrà dalla vendita delle sue azioni, SoftBank gli ha dato una linea di credito di $ 500 milioni per aiutare a rimborsare i suoi prestiti bancari e una commissione di consulenza di $ 185 milioni come parte dell’accordo originale.

Neumann ha già prelevato circa $ 400 milioni del credito $ 500 milioni, secondo le fonti, ed è obbligato, secondo i termini dell’accordo, a utilizzare tutti i proventi che riceve dall’offerta pubblica per rimborsare SoftBank.

Giovedì WeWork ha dichiarato che sta licenziando circa 2.400 dipendenti in tutto il mondo mentre cerca di ridurre drasticamente i costi e stabilizzare la sua attività dopo la sua drammatica caduta dalla grazia. La società aveva 12.500 dipendenti il ​​30 giugno e ce ne sono altri che lavorano per gli affiliati.

Dopo essere stato valutato a $ 47 miliardi a gennaio e aver pianificato un’offerta pubblica iniziale (IPO), WeWork divenne rapidamente una società che stava affrontando una crisi di liquidità e lottando per sopravvivere. Ha accantonato i suoi piani per l’IPO il 30 settembre perché gli investitori erano diffidenti nei confronti delle perdite crescenti, del e del governo societario. Neumann si era dimesso da CEO la settimana precedente.

Marcelo Claure, il nuovo presidente esecutivo del genitore di WeWork, The We Company, ha dichiarato ai dipendenti di WeWork il mese scorso di non avere “idea” di quante azioni Neumann avrebbe venduto nell’offerta.

Neumann detiene oltre il 20% del capitale azionario di WeWork, ma il suo vero potere derivava da azioni super votanti che gli davano il controllo. La sua capacità di utilizzare azioni con votazione super sparirà come parte dell’accordo con SoftBank.

Le dimensioni del potenziale pagamento di Neumann in un momento in cui la compagnia licenzia i lavoratori ha portato la senatrice Elizabeth Warren, che è tra i contendenti a cercare la nomina presidenziale democratica nel 2020, a twittare venerdì che “questo è un altro esempio di un sistema truccato e corrotto. ”

Una portavoce di Neumann ha rifiutato di commentare.