Smart Working: cos’è? Quali sono i suoi vantaggi e svantaggi?

Tempo di lettura: 3 minuti

Lo è noto come un nuovo modello di lavoro che utilizza le nuove tecnologie e lo sviluppo delle tecnologie esistenti per migliorare sia le prestazioni che la soddisfazione ottenute dal lavoro . Non deve essere confuso con il termine collaborazione, che si riferisce a uno spazio di lavoro condiviso, di solito da professionisti autonomi.

Sebbene sia un concetto molto ampio, avrebbe due idee chiave: un modo più proficuo di – in molti modi, non solo economico – e l’uso della tecnologia per realizzarlo .

Il significato del lavoro intelligente significa esattamente come appare, sì, al giorno d’oggi tutto è “intelligente”: telefoni, orologi, veicoli …) ed è strettamente correlato al concetto di .

Si potrebbe persino affermare che il lavoro intelligente è una naturale evoluzione di quest’ultimo, che ha aggiunto maggiore mobilità e versatilità alle caratteristiche del lavoro a distanza “tradizionale” come flessibilità oraria o comfort.

Se il telelavoro viene utilizzato per spostare il lavoro dall’ufficio a casa, il lavoro intelligente lo porta in quasi qualsiasi altro posto, da un parco o una caffetteria alla sala d’attesa di un aeroporto.

Il lavoro intelligente offre vantaggi e svantaggi sia per il lavoratore che per l’azienda, che scoprirai di seguito.

Vantaggio:

Aumenta la libertà e l’autonomia del lavoratore. Ha una maggiore capacità di organizzare il tuo tempo.

Ti consente di risparmiare denaro su aree di lavoro, trasporti o forniture (elettricità, riscaldamento, ecc.)

Puoi risparmiare molto tempo nei viaggi, specialmente nelle grandi città.

Migliora la conciliazione della vita lavorativa con la vita personale e familiare, che è spesso molto apprezzata.

Se il lavoro è ben strutturato (di solito basato su obiettivi), la può essere aumentata.

Si nota un miglioramento della del lavoratore, il lavoratore apprezza il lavoro e l’azienda. Questo può attrarre talenti per il .

Permette l’ di persone con mobilità ridotta.

Ma può anche avere alcuni inconvenienti :

L’operaio vede la sua vita personale invasa dal lavoro.

Potrebbe portare all’isolamento del lavoratore a causa del mancato contatto con i colleghi. Ciò può anche causare la sensazione di non essere identificato con l’azienda.

Se il lavoro a distanza non è ben pianificato o eseguito, la produttività potrebbe diminuire. Potrebbe esserci un minore controllo sulla quantità o qualità del lavoro.

Parte dei risparmi generati per l’azienda può comportare spese per il lavoratore (nell’area di lavoro, costo delle forniture, ecc.).

Il Rapporto globale di Adecco, pubblicato a dicembre 2015, offre alcuni fatti interessanti sullo stato attuale del lavoro intelligente e le opinioni delle persone sul lavoro in un luogo diverso dal tradizionale.

Ad esempio, sembra che il lavoro intelligente sarebbe ampiamente accettato tra coloro che sono più o meno chiari su ciò che è, in modo che, nonostante gli svantaggi, come le distrazioni e il possibile isolamento, solo il 17% delle persone in cerca di lavoro respingerebbe la flessibilità offerta lavorando in modo intelligente.

Lo studio fornisce altri dati di interesse; Ad esempio, riflette l’opinione dei professionisti che lavorano nelle risorse umane.

Per i recruiter, sarebbe utile esaminare alcuni degli svantaggi del lavoro intelligente, come l’isolamento, la minore interazione con i colleghi o la mancanza di identificazione con l’azienda. Per combatterli, sarebbe utile integrare soluzioni di lavoro intelligenti nell’ambiente di lavoro piuttosto che in quello domestico.

Fatti più interessanti; Il 55% delle persone intervistate avrebbe lavorato da casa a un certo punto e il 46,5% lo avrebbe fatto dal proprio smartphone.

Ma un fatto spicca su tutti gli altri: il 90,8% delle persone intervistate vorrebbe poter lavorare fuori dall’ufficio , il che dimostra la vecchia teoria che il lavoro a distanza è un desiderio per molte persone.

Tra gli spazi preferiti per farlo, il primo sarebbe da casa (64,2%), seguito da spazi di co-working (47,6%) o da qualsiasi luogo vicino a casa (41,3%).

Quindi sembra che ci siano più persone che vorrebbero applicare il lavoro intelligente alla loro vita lavorativa di quelle che sanno cosa significa anche il termine (non c’è bisogno di preoccuparsi, a volte accadono queste cose).

Come abbiamo visto all’inizio di questo articolo, le nuove tecnologie e il miglioramento delle tecnologie esistenti sono un fattore chiave nello sviluppo del lavoro intelligente . Includerebbero una vasta gamma di strumenti, come , smartphone, o qualsiasi tipo di programma progettato per facilitare la flessibilità sul lavoro e la mobilità. Non molto lontano dal futuro, altre tecnologie, come la , verranno aggiunte all’elenco di tecniche che aiuteranno lo sviluppo del lavoro intelligente.

L’obiettivo finale di utilizzarli tutti sarebbe quello di raggiungere non solo una migliore prestazione lavorativa, ma anche una migliore conciliazione tra vita lavorativa e professionale e vita personale e familiare. Più felicità dopo tutto, per l’azienda e per il lavoratore o il professionista.

Fonte : ehorus.com