Siria, Le piante medicinali e aromatiche siriane raggiungono più di 30 paesi

Tempo di lettura: 1 minuto

La produzione di colture mediche e aromatiche per la stagione in corso è stata di circa 75 mila tonnellate, la più importante delle quali è il cumino di circa 41 mila tonnellate, quindi il grano di stagno di oltre 23 mila tonnellate e l’anice di circa 5900 tonnellate, coriandolo di oltre 4800 tonnellate e finocchio di 181 tonnellate oltre a modeste quantità di sommacco e timo.

L’ingegnere Abdul Moeen Al-Qadamani, direttore della produzione vegetale presso il Ministero dell’, ha affermato che le più importanti implementate in sono (cumino, anice, stagno, coriandolo e finocchio) e che la maggior parte della produzione ha un mercato di esportazione esterno, soprattutto cumino e anice.

Qadamani ha dichiarato che l’attuale stagione ha visto un aumento delle aree coltivate a piante aromatiche e medicinali di oltre il 130 percento, dove le aree coltivate hanno raggiunto circa 100.000 ettari dal piano stimato in 76 mila ettari distribuiti sul raccolto di cumino di circa 75 mila ettari e poi coriandolo di circa 11 mila ettari.

9 mila ettari e anice di 5 mila ettari e il resto di piante come finocchio, sommacco e timo più di 300 ettari, sottolineando che la provincia di Al-Hasakah è arrivata prima con un tasso di attuazione del 407 per cento e poi l’area della giungla 239 percento e Raqqa del 154 percento.

Una buona quantità di piante aromatiche e medicinali non trasformate sono state esportate in oltre trenta paesi, tra cui India e paesi del Golfo Arabo, dove la Camera dell’Agricoltura di Damasco ha rilasciato certificati di origine per esportare oltre 5.000 tonnellate per un valore di circa $ 8 milioni durante il primo metà di quest’anno.

Fonte
Bollettino economico Sena