Siria, Accordo Zona sicura fra Stati Uniti e Turchia con pattuglie congiunte

Tempo di lettura: 1 minuto

Gli Stati Uniti e la Turchia hanno iniziato pattuglie congiunte, nella nord-orientale, con un accordo volto ad allentare la tensione tra Ankara e le forze curde appoggiate dagli USA. Sei turchi hanno attraversato la Siria attraverso un’apertura nel muro di cemento eretto tra i due paesi mentre due elicotteri volavano in alto.

Il della Turchia ha affermato che sono stati utilizzati anche veicoli aerei senza pilota.

Gli Stati Uniti e la Turchia hanno raggiunto un accordo il 7 agosto per stabilire una “zona sicura” tra il turco e le aree siriane a est del fiume Eufrate, controllato dalla milizia curda delle unità di popolare (YPG).

L’YPG è un alleato degli Stati Uniti nella lotta contro l’ISIS in Siria, ma la Turchia considera il gruppo un’organizzazione terroristica e ha ripetutamente minacciato di lanciare un’offensiva per respingere la milizia dal confine.

Il colonnello americano Myles Caggins, portavoce della coalizione contro l’ISIS, ha affermato che le forze turche “hanno osservato progressi di prima mano sulle fortificazioni YPG distrutte e sulle aree in cui gli elementi YPG hanno lasciato volontariamente l’area”.

Il governo siriano, che si è ritirato dalla zona dopo lo scoppio di una nel 2011, ha condannato la pattuglia congiunta, definendola “un’aggressione in tutti i sensi”.

Il ministero degli Esteri ha affermato che la mossa è stata una “palese violazione del e della sovranità” della Siria.

La Turchia ha effettuato diverse incursioni in Siria, nel corso della guerra civile, nel tentativo di contenere l’influenza delle forze curde lungo il suo confine.

L’anno scorso, truppe turche e statunitensi hanno effettuato pattuglie comuni nella città settentrionale di Manbij, al confine con le zone controllate dai .

Fonte
thenational.ae