Simbolo Atanasiano – Quicumque vult

Tempo di lettura: 1 minuto

Il Simbolo Atanasiano (Quicumque vult) è un simbolo della fede che prende questo nome perché attribuito dalla tradizione a sant’Atanasio (295-373), arcivescovo di Alessandria d’. È significativo soprattutto per la dottrina trinitaria, che esso esprime in maniera forte per combattere l’arianesimo.

Nella liturgia della occidentale era recitato nell’ufficio domenicale di prima.

La Chiesa invece non l’ha mai usato.

È stato tramandato in greco e in latino.

La maggioranza dei critici ritiene che sia stato scritto originariamente in latino e non in greco; e non nel IV secolo, ma almeno un secolo più tardi.

La teologia che ne traspare è molto vicina a quella di sant’Ambrogio da Milano.
I critici attuali non si accordano sull’attribuzione:

Karl Künstle lo attribuisce a un vescovo antipriscillanista;

L. G. Morin lo ritiene opera del secolo VI, probabilmente di di Braga;

H. Brewer lo attribuisce a sant’Ambrogio;

J. Stiglmayr lo ritiene di San Fulgenzio di Ruspe.

Fonte Wikipedia