Scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina in corso

Tempo di lettura: 1 minuto

Le autorità russe e ucraine hanno confermato il tanto atteso . Si ritiene che i includano ucraini, marinai, un regista e un sospetto testimone russo dell’abbattimento dell’MH17.

Sabato è stato avviato uno scambio di prigioni di alto profilo tra e , confermano funzionari di entrambi i paesi.

Aerei, ciascuno dei quali trasportava 35 prigionieri, sono atterrati quasi contemporaneamente all’aeroporto di Mosca Vnukovo e all’aeroporto Boryspil di Kiev.

Nella capitale ucraina, i parenti dei prigionieri sono stati visti sventolare e applaudire sull’asfalto. Il presidente Volodymyr Zelensky salutò i prigionieri mentre scendevano le scale.

Due funzionari della presidenza ucraina e il segretario stampa del Cremlino, Dmitry Peskov, hanno confermato lo scambio di prigionieri.

Zelensky ha elogiato lo scambio come un “primo passo” verso la fine della guerra. “Dobbiamo fare tutti i passi per finire questa orribile guerra”, ha detto, impegnandosi a restituire anche “il nostro territorio”.

Il regista ucraino Oleg Sentsov, uno dei prigionieri confermati rilasciati, ha dichiarato: “Ringrazio tutte le persone che hanno combattuto per noi”, ha detto.

La maggior parte dei prigionieri sembrava essere in buone condizioni fisiche.

Secondo quanto riferito, trentacinque prigionieri sono stati rilasciati da entrambe le parti, tuttavia sia la Russia che l’Ucraina sono state messe a dura prova per quanto riguarda l’identità dei prigionieri.

Fonte
dw.com