Salute, I cambiamenti stagionali innescano l’emicrania

Tempo di lettura: 2 minuti

L’International Headache Society (IHS) ha classificato il in 14 gruppi principali e centinaia di sottogruppi. Un’emicrania è classificata nel gruppo dei primari che non sono associati a nessun’altra malattia ed emergono con diretto.

Se il dolore è costante e in aumento di gravità, se la persona che soffre per la prima volta di emicrania è inferiore a 10 o superiore a 50, se la gravità o la forma del dolore precedentemente presente è cambiata, se non risponde a trattamento, se il mal di testa è il dolore più grave che tu abbia mai incontrato nella tua vita e se il dolore emerge durante un’ (sollevando un pesante carico, durante i rapporti sessuali, ecc.) e aumenta di gravità, dovresti visitare il tuo medico.

Circa il 60% dell’emicrania si verifica su un lato della testa, spesso accompagnato da pulsazioni. È accompagnato da nausea e occasionalmente da vomito.

Il dolore continua negli attacchi e potrebbe durare dalle quattro alle 72 ore. Tra i sintomi vi sono la visione offuscata e i disturbi della luce e del suono. Le attività fisiche e i movimenti della testa scatenano attacchi di emicrania.

Mentre un’emicrania è considerata una malattia geneticamente ereditata, i geni responsabili non sono ancora stati determinati. Anche fattori ambientali come , atmosferico, depressione, , disturbi della , uso frequente e ravvicinato di schermi che emettono luce eccessivamente luminosa e tremolante possono scatenare emicranie.

A causa della loro , le sono colpite più rapidamente e in modo più grave da fattori ambientali, che aumentano il rischio. Gli attacchi di emicrania sono rari nelle in . Sebbene gli attacchi di emicrania diminuiscano durante la gravidanza, di solito tra il terzo e il nono mese, potrebbero aumentare in alcune gravidanze.

Lo scopo del trattamento è ridurre i fattori che inducono dolore e sopprimere la sensibilità del sistema nervoso e gli eventi che emergono all’interno e intorno alla vena durante il dolore. Il trattamento di base è diviso in due approcci, come il trattamento di attacco preventivo e acuto.

Se il dolore si verifica una o due volte al mese, si raccomanda solo un trattamento di attacco acuto. Antidolorifici semplici, farmaci antinfiammatori non steroidei, farmaci ergotaminici e triptani sono usati per trattare gli attacchi di dolore acuto. Gli antidolorifici e i farmaci ergotaminici, se usati frequentemente, potrebbero rendere il dolore continuo e talvolta causare effetti collaterali più gravi.

I farmaci antiemetici e anti-nausea vengono somministrati per nausea e vomito durante gli attacchi. Gli antidolorifici devono essere assunti all’inizio dell’attacco. Al fine di accelerare l’assorbimento, i farmaci anti-nausea devono essere assunti prima dell’antidolorifico.

Mentre il botox e l’agopuntura sono utili nel trattamento dell’emicrania, il massaggio tissutale, la riboflavina, il magnesio e alcuni rimedi a base di erbe sono anche usati come trattamenti alternativi in ​​alcuni pazienti con dolore cronico.

Fonte

Foto per gentile concessione di, viverepiusani.it