Tempo di lettura: 2 minuti

SalomoneSalomone (in ebraico: שְׁלֹמֹה, moderno Šəlomo o Šlomo, antico Šəlōmōh; in arabo: سليمان Sulaymān; in greco: Σαλωμων; in latino: Salomon) è stato, secondo la Bibbia, il terzo re d’Israele, successore di Re Davide.
Il suo regno è datato circa dal 970 al 930 a.C. e fu l’ultimo dei Re del regno unificato di Giuda e Israele.
Secondo il racconto biblico era figlio del Re Davide e Bath-Sheba (Betsabea), che era stata moglie di Uria l’Ittita (Uria l’Eteo).
Gli succedette il figlio Roboamo, che Salomone aveva avuto dalla moglie ammonita Naama[1], ma solo sul Regno di Giuda.
Il suo regno viene considerato dagli ebrei come un’età ideale, simile a quella del periodo augusteo a Roma. La sua saggezza, descritta nella Bibbia, è considerata proverbiale.[2]. Durante la sua reggenza venne costruito il Tempio di Salomone, che divenne leggendario per le sue molteplici valenze simboliche. Particolari su vita, opere e saggezza di Salomone sono narrati anche nel Kebra Nagast (testo etiope redatto tra il IV e il VI secolo d.C., ma nella sua versione definitiva nel XII secolo).
Le notizie su Salomone si diffusero in Oriente, tanto che molti “potenti” di allora vollero metterlo alla prova, facendogli visita e portandogli doni. Nella Bibbia ci viene proposto l’incontro con la regina di Sheba (o Saba), molto probabilmente dell’antico regno sabeo, nella zona dell’attuale Etiopia, la cui mitica ricchezza era ben nota alla cultura biblica, che dei Sabei parla nel “Libro dei Popoli”. Il libro sacro dell’Etiopia intitolato Kebra Nagast narra dettagliatamente del loro incontro, del loro figlio Menyelek (o Menelik) e dello spostamento dell’Arca dell’Alleanza: secondo la tradizione etiope, seguendo la linea monarchica di discendenza diretta, il duecentoventicinquesimo erede del trono di Salomone è Ras Tafari Makonnen, il Negus, ultimo Re dei Re, incoronato Imperatore il 2 novembre 1930 col nome di Haile Selassie I, letteralmente Potere della Santa Trinità. Per questa ragione il Re Salomone è tenuto in particolare considerazione anche dai credenti della livity (filosofia di vita) Rastafari.

Fonte: WIKIPEDIA