Russia, nuovo sottomarino nucleare con droni

Tempo di lettura: 1 minuto

Il presidente russo Vladimir Durante una visita a un militare a , presso lo stabilimento Sevmash a Severodivinsk, nella nord-occidentale, ha assistito al lancio di un nuovo in grado di trasportare droni nucleari Poseidon.

Il sottomarino entrerà in servizio il prossimo anno.

Il Poseidon, armato con una testata nucleare da 100 Mt al cobalto-60, è in grado di creare, con l’esplosione del suo carico bellico, uno tsunami con onde alte 500 m e di inquinare, con la radioattività residua, ampi tratti di mare prospicienti alle coste, oltreché distruggere eventualmente l’ petrolifera su piattaforme di una nazione nemica. Il drone sottomarino sarebbe in grado di “evitare tutti i dispositivi di localizzazione acustica e altre trappole”.

In una intervista rilasciata a Radio Sputnik, che fa parte dell’agenzia statale russa Sputnik, dal caporedattore della rivista Natsionalnaya Oborona Igor Korotchenko, quest’ultimo ha fornito alcuni dettagli sul sistema d’arma Status-6, che sarebbe una risposta asimmetrica allo schieramento del sistema di difesa missilistica NMD[N 4] da parte degli Stati Uniti e della NATO, consentendo di trasportare una testata nucleare di grande potenza sulle coste statunitensi, neutralizzando qualsiasi dispositivo di difesa americano.