Russia, La Cina promette al Cremlino $ 2,6 miliardi a supporto economia

Tempo di lettura: 2 minuti

Il partenariato globale - e la cooperazione strategica hanno raggiunto un nuovo livello, ha affermato il primo ministro russo dopo l’incontro con il premier cinese Li Keqiang a Mosca.

Medvedev ha affermato che dopo l’incontro lui e il sig. Keqiang hanno firmato una serie di accordi costituiti da una ventina di documenti, compresi accordi commerciali e accordi di investimento.

Nel complesso, la Cina prevede di stanziare circa $ 2,6 miliardi per progetti che fanno parte del piano per accelerare l’ russa entro il 2024.

La Development Bank contribuirà con 12 miliardi di yuan ($ 1,7 miliardi) al finanziamento di un nuovo impianto di trattamento del nell’Estremo Oriente russo, ha annunciato il presidente della VEB Igor Shuvalov.

L’impianto, il cui progetto dovrebbe iniziare quest’anno, dovrebbe essere operativo entro il 2023. Oltre al prestito cinese e al finanziamento di VEB, il progetto riceverà anche da VTB Bank.

La Cina ha promesso di investire altri 420 milioni di dollari nella costruzione di navi rompighiaccio per il progetto “Ice Silk Road”, riferisce RIA Novosti .

I rompighiaccio saranno costruiti nel cantiere di Zvezda, che appartiene a RosNeft. Il progetto include due navi cisterna di classe Aframax (fino a 120.000 tonnellate), tre navi cisterna da 52.000 tonnellate e tre navi cisterna per gas, ha osservato Shuvalov, aggiungendo che VEB ha “eccellenti relazioni con la Banca cinese per lo sviluppo”.

La Cina investirà altri $ 500 milioni in un fondo di investimento tecnologico congiunto con la Russia. Il fondo sarà fondato dal Russian Direct Investment Fund e dalla China Investment Corporation, ha affermato Kirill Dmitriev, CEO del primo.

Dmitriev ha affermato che l’obiettivo è che il fondo disponga di $ 1 miliardo di capitale, che sarà investito in progetti per lo sviluppo di “alte tecnologie”, in particolare l’.

I partner russi e cinesi investiranno nel fondo su base di parità: $ 500 rispettivamente da Pechino e Mosca. “Stiamo unendo i nostri sforzi per garantire una svolta innovativa nelle economie dei nostri paesi”, ha affermato Dmitriev, aggiungendo che “influenza positivamente altre sfere delle relazioni economiche bilaterali”.

Tutti i precedenti tentativi della Russia di attrarre cinesi nella sua economia sono falliti. Nel 2015, ad esempio, Pechino ha rifiutato di partecipare al finanziamento del gasdotto Power of Siberia, costringendo una società russa a finanziare autonomamente la posa di un gasdotto di 2.000 km progettato per fornire alla Cina 38 miliardi di metri cubi di gas all’anno dal primi anni ’20.

Due anni fa, al CEFC cinese è stata offerta una partecipazione del 14,16% in Rosneft, ma la China Development Bank ha rifiutato di finanziare l’accordo e il CEO del CEFC Ye Jianming è stato successivamente arrestato per sospetto di crimini economici.

La Russia in seguito propose alla Cina una linea ferroviaria ad alta velocità Pechino-Berlino da 155 miliardi di dollari, che avrebbe dovuto entrare a far parte della via della seta per l’Europa. Tuttavia, dopo aver fatto uno studio di fattibilità sul progetto alla fine dello scorso anno, il China Railways Eryuan Engineering Group lo ha dichiarato non redditizio.

A gennaio si è appreso che la Cina aveva rifiutato di finanziare l’impianto di gas Amur da 14 miliardi di dollari. La Russia aveva sperato che i fondi cinesi coprissero il 70% dei costi di costruzione.

Secondo la Banca di Russia, gli investimenti diretti totali della Cina in Russia sono diminuiti di quasi un terzo, passando da $ 4,54 a $ 3,18 miliardi.

Fonte
uawire.org