Regno Unito, Salute – Cuore: Prevenzione Infarto donne non adeguato

Tempo di lettura: 2 minuti

Uno , finanziato dall’associazione benefica BHF, ha scoperto che nel corso di 10 anni, 8.200 decessi per infarto nel Regno Unito sarebbero stati evitati se le avessero ricevuto la stessa . Chris Gale , professore di medicina cardiovascolare all’Università di Leeds e autore principale di alcuni degli studi trattati nel briefing, afferma che “da soli, le differenze nelle cure sono molto piccole, ma quando guardiamo attraverso la popolazione del Regno Unito , si aggiunge a una perdita significativa della vita. “

Gli attacchi di non sono mai stati più curabili . Negli anni ’60, sette attacchi di su dieci nel Regno Unito furono fatali. Ora sopravviveranno sette persone su dieci che hanno attacchi di . Tuttavia, le donne soffrono di questi attacchi di prevenibili.

Secondo la dott.ssa Sonya Baba-Narayan, direttore medico associato del BHF, gli studi condotti “hanno rivelato disuguaglianze in ogni fase del percorso medico di una donna, e sebbene siano difficili da analizzare, suggeriscono che i pregiudizi inconsci stanno limitando le possibilità di sopravvivenza delle donne”.

I risultati mostrano che le donne sono 2,7 % in meno di probabilità di prescrizione di statine e 7,4% in meno di prescrizione di beta-bloccanti quando lasciano l’ospedale dopo essere stato ammesso per un infarto. Inoltre, oltre ad avere maggiori probabilità di ricevere un trattamento scadente, le donne soffrono di tassi di errata superiori del 50%.

Insieme a una differenza nelle , anche lo stigma degli attacchi di cuore e la mancanza di informazioni colpiscono le donne. Gli attacchi di cuore sono spesso visti come una malattia dell’uomo e questo stigma si sta rivelando dannoso. Julie Ward , un’infermiera cardiaca senior della British Heart Foundation, afferma che “la maggior parte delle donne non riconosce i sintomi. Non cercano e non ottengono aiuto ”.

Lo studio BHF impiega più tempo ad arrivare in ospedale dopo aver manifestato i sintomi. Le donne hanno anche l’ 80% in più di di malattie cardiache se hanno la pressione alta e il 50% se hanno il diabete di tipo due.

Gale afferma che “questo problema non è unico nel Regno Unito – studi in tutto il mondo hanno anche rivelato lacune nel trattamento, suggerendo che si tratta di una questione profondamente radicata e complessa”. Il rapporto BHF afferma che “i pregiudizi inconsci stanno limitando le possibilità di sopravvivenza delle donne. ”

Fonti: Independent 30/09/19, BBC 30/09/19, CNN 30/09/19, SkyNews 30/09/19