Rapporto Unicef Mondo, scarsità acqua e servizi igienici per miliardi di persone

Tempo di lettura: 2 minuti

Un nuovo rapporto dell’UNICEF e dell’Organizzazione mondiale della sanità comunica che, circa 2,2 miliardi di persone, in tutto il mondo, non hanno servizi di , mentre 4,2 miliardi di persone non hanno servizi igienici ed a 3 miliardi mancano possibilità di usufruire di lavarsi quotidianamente.

L’accesso universale all’acqua di base, ai servizi igienici e all’ non è sufficiente. , vi sono enormi lacune nel qualità dei servizi forniti.

“I e le loro famiglie nelle comunità povere e rurali sono più a rischio di essere lasciati indietro. I governi devono investire nelle loro comunità se vogliamo colmare queste divisioni economiche e geografiche e realizzare questo fondamentale diritto umano “. Ha dichiarato Kelly Ann Naylor, Associate Director of Water, Igiene e igiene, UNICEF.

Il rapporto rivela che 1,8 miliardi di persone hanno ottenuto l’accesso ai servizi di base per l’acqua potabile dal 2000, ma ci sono ampie disuguaglianze nell’accessibilità, disponibilità e qualità di questi servizi.

Si stima che 1 su 10 persone (785 milioni) gli mancano ancora di servizi di base, compresi i 144 milioni che bevono acqua superficiale non trattata.

I dati mostrano che 8 persone su 10 vivevano nelle aree rurali e non avevano accesso a questi servizi e in uno su quattro paesi con stime per diversi gruppi di ricchezza, la copertura dei servizi di base tra i più ricchi era almeno il doppio rispetto a quella dei più poveri.

Il rapporto afferma inoltre che dal 2000 circa, 2,1 miliardi di persone hanno accesso ai servizi igienici di base, ma in molte parti del mondo i prodotti non sono gestiti in modo sicuro. Inoltre, rivela che a 2 miliardi di persone mancano ancora di servizi igienico-sanitari di base, tra cui 7 su 10 vivono in aree rurali e un terzo vivono nei Paesi meno sviluppati.

Infine, il rapporto evidenzia nuovi dati che mostrano che, 3 miliardi di persone mancano di servizi di lavaggio delle mani di base con acqua e sapone, a casa, nel 2017.

Ogni anno muoiono 297.000 bambini sotto i 5 anni a causa di diarrea legata a WASH inadeguato.

Scarse condizioni igienico-sanitarie e acqua contaminata sono anche legate alla trasmissione di come il colera, la dissenteria, l’epatite A e il tifo.

Questi sono i paesi ad alto rischio: , Benin, , Cambogia, Ciad, Cina, Costa d’Avorio, Repubblica Democratica del , Eritrea, Etiopia, Ghana, India, Indonesia, Kenya, Madagascar, , Nepal, Niger, Nigeria, Pakistan, Filippine, Sudan.

Fonti OMS / UNICEF
Fonte foto