Quando le macchine imparano ad amare

Umani e macchine: una relazione interattiva. Le macchine ci danno indicazioni, ci ricordano i nostri appuntamenti e ci avvertono quando non ci muoviamo abbastanza. Possono guidare, cucinare, dipingere, fare musica, a volte fornire una diagnosi più accurata di un medico e anticipare i problemi. Tuttavia noi esseri complessi con i nostri pensieri e sentimenti nascosti rimangono un mistero per loro. La domanda è: per quanto tempo?

L’interazione umana utilizza molti modi diversi di comunicare: linguaggio, scrittura, espressioni facciali e gesti. Interagire con un computer è esattamente lo stesso. I codici del programma, in altre parole istruzioni scritte, assicurano che le macchine facciano esattamente quello che gli umani chiedono di loro. Gli schermi reagiscono a un colpo. Le interfacce basate sulla voce attendono un comando. Si basano su dichiarazioni e ordini espliciti. Eppure il non detto può spesso essere così indicativo di ciò che viene effettivamente detto ad alta voce. Le macchine del futuro non saranno solo più intelligenti. Saranno anche empatici, rilevando le nostre emozioni dalla sola voce, per esempio.

Calcolo affettivo: funzione e comprensione
Shrikanth Narayanan, un professore indiano-americano della University of Southern California a Los Angeles, ei suoi colleghi hanno trascorso due anni registrando centinaia di conversazioni da sessioni di terapia di coppia. Questo materiale è stato integrato con informazioni sullo stato civile delle persone coinvolte. Il team di Narayanan ha aggiunto i dati vocali al loro algoritmo, analizzando i dati in base al volume, al tono e ai sintomi di jitter e shimmer. Era tutto ciò che serviva. Il sistema era quindi in grado di prevedere con l’80% di certezza che una coppia sarebbe ancora insieme alla fine del periodo di osservazione, superando le valutazioni dei terapeuti coinvolti nello studio. Narayanan è molto ottimista riguardo al futuro di questa tecnologia, affermando che le macchine si stanno avvicinando molto alle persone quando si tratta di riconoscere le emozioni.

L’informatica affettiva si concentra su macchine che non solo funzionano ma possono anche adattarsi alle persone e capire i loro sentimenti. La crescente popolarità degli assistenti vocali ha dato un enorme impulso alla ricerca in questo settore dell’informatica. Le voci, più di ogni altra espressione umana, trasportano le emozioni. Sono un elemento chiave nell’interazione tra uomo e macchina.

Un’interazione uomo / macchina che cambia
Nel frattempo, l’autonomia sempre crescente delle macchine e il loro ambito sempre crescente stanno cambiando l’interazione emotiva uomo / macchina. Invece di seguire gli ordini, lo “smart agent” ha solo un framework per l’azione e un obiettivo di ottimizzazione. Dai sistemi di ottimizzazione dei processi aziendali astratti basati sull’intelligenza artificiale (AI) ai veicoli autonomi – le macchine prendono decisioni che influenzano la nostra vita quotidiana, oscurando le luci a casa dopo una dura giornata di lavoro, regolando la temperatura della stanza o il volume della musica e persino correndo un bagno.

“Le tecnologie di Emozione emotiva raccolgono i più piccoli cambiamenti nei singoli parametri e possono derivare lo stato d’animo di una persona da quella informazione. Non solo linguaggio, ma anche dati visivi e fisiologici forniscono informazioni preziose “, conferma il dott. Marco Maier di TAWNY, una società specializzata in informatica affettiva e che sta già sperimentando la tecnologia nelle applicazioni di tutti i giorni.

Ad esempio, come dovrebbe essere distribuito il lavoro tra i membri di una squadra in modo che nessuno si senta oberato e stressato e, al contrario, nessuno si senta sottoutilizzato e annoiato?

I sistemi intelligenti ottimizzano in modo indipendente i flussi di lavoro e misurano e tengono conto dell’impatto sulla sicurezza, la produttività e il benessere dei lavoratori.

I dispositivi di consumo empatici adattano dinamicamente le loro funzionalità allo stato dell’utente. Gli atleti professionisti utilizzano questa tecnologia per supportare la loro formazione per ottenere il flusso più lungo possibile.

Il personale di vendita pratica la propria presentazione e il proprio atteggiamento utilizzando un compagno empatico.

La maggior parte delle macchine nel mondo ha un QI emotivo di 0. Ma ciò che è già chiaro è che le macchine del futuro non saranno solo più intelligenti. Saranno anche empatici.

Fonte