Quando assumere i farmaci? Uno studio rivela i tempi; sarà vero?

Tempo di lettura: 2 minuti

I ricercatori del progetto Hygia hanno rilevato che i andrebbero assunti in orari ben precisi per prevenire i sintomi.

Il progetto Hygia, condotto da ricercatori spagnoli, è “il più grande studio prospettico sul rischio cardiovascolare mai condotto”, spiega Ramón Hermida, uno dei suoi coordinatori.

In 11 anni, 18.078 pazienti ipertesi sono stati studiati e monitorati. I risultati rivelano che è meglio assumere i farmaci per la prima di coricarsi.

Tuttavia, avvertono i ricercatori, sono necessari ulteriori studi per confermare che questi risultati possono essere estrapolati a tutti i pazienti ipertesi:

Con questa ricerca, il concetto di “crono-” viene riportato in tavola, una disciplina che studia la relazione tra il tempo cronologico di somministrazione dei farmaci e la risposta biologica dell’ e analizza se il programma aumenta l’efficacia di e se influenza anche possibili reazioni avverse.

Dato che ognuno di noi ha il suo orologio e che anche le hanno i loro “programmi”, è logico che l’azione di un possa variare.

I pazienti con artrite reumatoide affermano che il loro momento di massimo dolore è molto maggiore al mattino quando si alzano. Ecco perché si consiglia di assumere il farmaco durante la notte.

In un’altra reumatica, l’artrosi, il dolore si verifica di solito nel pomeriggio, quindi di solito è consigliabile assumere farmaci antinfiammatori al mattino.

Poiché il dolore causato dal deterioramento della non si verifica contemporaneamente in tutte le persone, è possibile prendere in considerazione l’assunzione di farmaci da quattro a sei ore prima che il dolore raggiunga il suo picco.

La maggior parte delle pillole sono rotonde per rotolare meglio.

Sono ‘dipinti’ con un massimo di 30 colori: il bianco vince (sono più economici) e non ci sono neri perché non sono desiderabili.

Molte compresse sono laccate per proteggerle dalla luce e dall’umidità.

Inoltre, la lacca maschera il sapore amaro e li protegge anche dai succhi gastrici.

Fonte