Qual è l’età migliore per avere un bambino?

SYDNEY, NSW - JUNE 07: A pregnant woman holds her stomach June 7, 2006 in Sydney, Australia. Australia is currently enjoying a baby boom, with the Australian Bureau of Statistics registering a 2.4% increase in births from 2004 to 2005, which represents the highest number of births since 1992. The Australian Federal Government has been encouraging people to have more babies, with financial incentives and the slogan by treasurer Peter Costello to "have one for mum, one for dad, and one for the country". The Federal Government has identified falling fertility rates and the ageing population as long-term problems for Australia's growth and prosperity. (Photo by Ian Waldie/Getty Images)

Tempo di lettura: 1 minuto

La dott.ssa Helen Peric, della City Fertility di Sydney, afferma: ” Anche se dal punto di vista medico è preferibile avere un bambino prima che una donna raggiunga i suoi 30 o 40 anni, tutti sono su una linea temporale diversa in termini di vita e carriera e i tempi saranno diversi per ogni coppia e donna “.

Tasha Jennings, Feritility Naturopath e afferma che ” il ciclo mestruale può richiedere fino a 12 anni per” maturare “e stabilire un’ovulazione sana, regolare e livelli ottimali di progesterone.”

“Per le donne medie che iniziano il suo ciclo mestruale tra i 12 e i 16 anni, il momento ottimale per concepire sarebbe tra i 24 e i 28 anni”, aggiunge Jennings.

Le donne sono più fertili nei loro 20 anni con un declino negli anni ’30 e in particolare dopo i 35″, afferma Peric.

Aggiunge che, sebbene bologicamente parlando, il prima dei 35 anni è associato a un minor rischio di complicazioni di rispetto alle nelle madri tra i 30 ei 40 anni, avere un bambino prima dei 35 non può garantire un bambino sano.

“Esistono ovviamente numerosi fattori, tra cui la genetica, che determinano se una donna avrà un bambino sano”.

Quando arriva il momento migliore per avere un bambino, conoscerai la risposta, quindi consulta il tuo medico e trova un piano benessere adatto a te.

Fonte : who.au