Propulsione ibrida per nave di supporto su costruzione impianti eolici offshore

Tempo di lettura: 1 minuto

Il gruppo tecnologico Wärtsilä fornirà la capacità di per una nuova per la costruzione di impianti eolici offshore. L ‘” Acta Centaurus “, una al cantiere DP2 walk-to-work di proprietà dei Paesi Bassi Acta Marine , otterrà così consumi di carburante e benefici ambientali grazie alla possibilità di far funzionare la nave con meno motori in funzione a carico più ottimizzato.

L’ordine con Wärtsilä è stato effettuato a maggio 2019.

La soluzione fornita da Wärtsilä comprende l’azionamento ibrido, le batterie e un sistema di gestione dell’energia. Wärtsilä eseguirà inoltre l’installazione, i test e la messa in servizio del sistema ibrido, nonché l’aggiornamento dei sistemi di bordo esistenti di Acta Centaurus per renderlo idoneo per l’azionamento ibrido.

“La propulsione ibrida sta diventando una tendenza sempre più adottata per affrontare le sfide affrontate dall’odierna industria marittima. Wärtsilä è stato un precursore nello sviluppo della tecnologia per renderlo possibile e fattibile, e il nostro track record in questo campo è già significativo “, afferma Joel Knif, General Manager, Marine Project Sales, Wärtsilä Marine.

L’installazione dell’attrezzatura necessaria per la conversione ibrida avverrà nel corso del quarto trimestre di quest’anno.

La soluzione di propulsione ibrida Wärtsilä offre vantaggi derivanti dalla flessibilità e dall’efficienza fornite dalla tecnologia.

Queste navi hanno un elevato carico di posizionamento dinamico e quindi requisiti di potenza fluttuanti, che è una situazione ideale per l’ibrido e può comportare una riduzione di CO2 del 15% circa.

Il proprietario della nave Acta Marine supporta i clienti a livello mondiale in settori quali dragaggio, edilizia civile, petrolio e gas offshore e offshore. La società è indipendente e di proprietà della famiglia, possiede e gestisce una flotta di circa 450 navi di supporto.

Fonte: Wärtsilä