Primo cuore completamente robotizzato al mondo

Tempo di lettura: 3 minuti

Il primo completamente robotico al mondo potrebbe porre fine alla necessità di di esseri umani morti in appena 10 anni, si spera che il cuore ibrido fatto di morbidi muscoli artificiali e sensori possa porre fine alla necessità di umani.

Il cuore robotico ibrido è in fase di sviluppo e potrebbe cancellare le liste di attesa del trapianto di cuore del NHS e salvare molte vite. È il primo cuore ibrido costituito da morbidi muscoli artificiali e sensori che sono rivestiti nei tessuti umani coltivati ​​in laboratorio.

Ci sono piani in collaborazione con la British Heart Foundation per trapiantarla nella prima persona nel 2028; la speranza è che questo cuore robotico ibrido salverà migliaia di vite che normalmente sarebbero morte in attesa di un donatore di organi umani nelle liste di attesa globali.

“L’unico trattamento per l’insufficienza cardiaca allo stadio terminale è la sostituzione”, afferma la professoressa Jolanda Kluin, dell’Università di Amsterdam. “Vi è un’enorme carenza di organi dei donatori e in un certo senso va bene. Ogni organo donatore significa che altrove, è morto qualcuno giovane. Un cuore ibrido potrebbe creare la prima soluzione in assoluto per l’insufficienza cardiaca allo stadio terminale. ”

Il cuore robotico ibrido sarà guidato da fluido o aria e sarà alimentato da elettricità che verrà trasferita in modalità wireless da una fonte di alimentazione vicina che verrà indossata dal paziente e una batteria più piccola verrà anche impiantata nel paziente in grado di alimentare il cuore per un breve periodo di tempo: “per circa un’ora se fanno la doccia o fanno una nuotata”.

Questa tecnologia ha già dimostrato di essere possibile nelle precedenti ricerche finanziate dall’UE. Senza essere avvolto nelle cellule del proprio corpo del paziente, il cuore robotico ibrido verrebbe infettato e il corpo lo rifiuterà. Questo progetto rappresenta un progresso significativo rispetto ai precedenti tentativi e utilizzerà materiali con la rigidità del tessuto muscolare e si muoverà / pomperà come un vero cuore umano.

Il cuore robotico ibrido è attualmente in fase di brevetto e sarà testato per la prima volta su animali tra cinque anni. I precedenti tentativi in ​​Francia effettuati da una spugna come poliuretano e cellule dal cuore di una mucca nel 2014 non andarono bene poiché l’uomo morì solo 2,5 mesi dopo il trapianto. In Gran Bretagna 155 persone sono morte in attesa di un trapianto di cuore solo negli ultimi cinque anni, in tutto il mondo sono morte migliaia di persone in attesa.

Il professor Kluin è uno dei maggiori esperti nell’ingegneria delle cellule umane, nonché nello sviluppo e nella riparazione di valvole cardiache; insieme al suo team stanno assemblando tre prototipi di cuore dolce prima di decidere con quale andare avanti, uno sarà realizzato in silicone e gli altri due con materiali morbidi e non estensibili.

Allo stato attuale, le macchine esterne al corpo possono mantenere il , ma questa non è una soluzione a lungo termine e comporta il rischio di ictus, infezioni e sanguinamento. Inoltre i pazienti con insufficienza cardiaca su queste macchine non sono in grado di fare la doccia o il bagno.

Secondo Kluin “Nel cuore ibrido il potere pulsante viene dai robot morbidi. I robot morbidi sono fabbricati con materiali con la rigidità che ricorda il tessuto umano. I morbidi muscoli della robotica imitano esattamente il cuore umano, quindi il cuore ibrido batte davvero come un cuore umano. Il cuore ibrido è rivestito dalle stesse cellule del paziente che impediscono la coagulazione, l’infezione e la reazione. Il trasferimento di energia è wireless, quindi il paziente sperimenta la vera libertà. Sebbene radicali, la nostra ambizione non è fantascienza. Ciò che le persone con insufficienza cardiaca possono sognare, i cuori ibridi possono raggiungere “.

“Crediamo fermamente nel potenziale di trasformazione del Big Beat Challenge per salvare e migliorare la vita, sia qui nel Regno Unito che in tutto il mondo. Rappresenta il singolo più grande investimento nella scienza pionieristica nella storia di 60 anni del BHF “, afferma il professor Sir Nilesh Samani, direttore medico del BHF.

Nel 2020 le leggi sulla donazione di organi cambieranno in Inghilterra e Scozia; tutti saranno considerati come aver accettato di donare i propri organi quando muoiono a meno che non registrino la decisione di non donare i propri organi.

“Questa è una ricerca interessante, ma per salvare più vite in questo momento, abbiamo bisogno di più famiglie per sostenere la donazione di organi”, ha dichiarato John Forsythe, direttore medico di NHS Blood and Transplant.

….

Questo articolo non ha lo scopo di fornire diagnosi mediche, consigli, cure o specializzazioni.

Fonti

https://www.mirror.co.uk/news/uk-news/worlds-first-soft-robotic-heart-21338696

https://www.itv.com/news/2019-09-03/organ-donation-what-are-the-facts/

https://www.cardiovascularbusiness.com/topics/coronary-intervention-surgery/completely-robotic-heart-slated-transplant-2028