Pittsburgh, Aeroporto internazionale: Costruzione centro produzione additiva nel 2020

Tempo di lettura: 2 minuti

L’aeroporto internazionale di e l’ Università hanno unito le forze per contribuire a rendere la loro località un leader mondiale nella produzione additiva. Il vicinato 91 è un nuovo concetto sviluppato dalle parti per far parte del Campus di dell’aeroporto di .

Costruita adiacente al terminal e alla pista dell’aeroporto, la struttura mira a collegare tutte le parti della catena di approvvigionamento della produzione additiva, con eccezionali vantaggi in termini di tempi di consegna e consegna.

“La regione di Pittsburgh è sempre stata leader mondiale nella produzione”, ha commentato Rich Fitzgerald, dirigente della contea di Allegheny. “Ora che l’ si è evoluta nella produzione additiva e nella stampa 3D, e attraverso il vicinato 91, abbiamo gettato le basi per diventare l’ globale.

La famosa “Steel City” Pittsburgh è un centro di produzione storico per gli . Oltre all’, la città ha nella produzione di alluminio, vetro, , petrolio ed elettronica.

Per quanto riguarda la stampa 3D, la città ospita lo specialista in ingegneria e produzione dei metalli leggeri Arconic e le competenze accademiche dell’Università di Pittsburgh e della Carnegie Mellon University , entrambe le quali contribuiscono in modo significativo alla ricerca sulla produzione additiva .

Circa 20 miglia a sud est di Pittsburgh si trova North Huntingdon, la sede internazionale del principale fornitore di stampanti 3D per jet binder ExOne .

Altre 20 miglia a est e c’è la base diadditivo produzione di metallo in polvere produttore Kennametal .

Tali legami storici e geografici con l’industria sono ciò che Pittsburgh International Airport sta cercando di sfruttare nella creazione del vicinato 91.

“Parte della nostra visione di aeroporto è quella di far avanzare il ruolo della regione come leader mondiale”, ha commentato Christina Cassotis, Pittsburgh International Airport . “La produzione additiva è alla ricerca di un posto da chiamare casa e nessuno l’ha fatto accadere – fino ad ora.

Il campus di Neighbourhood 91 sarà costruito circondando le risorse di capitale condiviso per i partner delle strutture, compresa una fornitura comunale di polvere in loco. Altre offerte per far parte dell’ecosistema sono elencate come:

– Polvere, parti, post-produzione, prove e analisi
– Efficienza nella produzione / post-produzione e consegna
– I clienti degli inquilini risparmiano sui costi della stampa su richiesta
– Ridotti costi di trasporto
– Accesso all’aeroporto
– Argon, elio e altre forniture di gas nobile

La costruzione del vicinato 91 dovrebbe iniziare nel 2020.

Fonte