Pennsylvania, Le Mancenillier di David Hartt è in arrivo nella sinagoga di Frank Lloyd Wright

Tempo di lettura: 1 minuto

Il famoso architetto americano era responsabile della progettazione di edifici iconici in tutta la nazione, compresi inventivi come una chiesa greco-ortodossa a cupola blu a Milwaukee e una casa di riunione unitaria nel Wisconsin .

Tuttavia, Wright non ha mai completato la sinagoga Beth Sholom a Elkins Park, in , per essere precisi, che è stata terminata negli anni ’50.

Quest’autunno ospiterà un’installazione d’arte intitolata : The Histories (Le Mancenillier).

Hartt, un artista multidisciplinare rinomato per le sue installazioni site specific che spesso fanno uso di elementi scultorei e biologici, è anche professore assistente presso il Dipartimento di Belle Arti dell’Università della Pennsylvania.

Il suo lavoro alla Beth Sholom esplorerà le storie intersecanti delle diaspore nere ed ebraiche attraverso spettacoli musicali dal vivo, appena girati e installazioni di impianti.

L’installazione di Hartt sarà anche incentrata sui contributi sonori del compositore americano di New Orleans Louis Moreau Gottschalk , un pianista e compositore romantico che ha interpolato temi latinoamericani e creoli nel suo influente corpus di opere.

Le composizioni di Gottschalk saranno interpretate dal musicista Girma Yifrashewa. Cole Akers, il curatore che ha contribuito a facilitare l’installazione di Hartt, è anche curatore della storica Glass House di Philip Johnson a New Canaan, nel Connecticut.

Akers ha affermato che le particolari stranezze architettoniche della Sinagoga Beth Sholom sono state esaminate molto attentamente per migliorare la visione di Hartt.

L’installazione sarà visitabile dall’11 settembre al 19 dicembre 2019.

Fonte
observer.com