Paul McCartney ha costruito un impero editoriale con MPL

Tempo di lettura: 1 minuto

Negli ultimi 50 anni, e i suoi avvocati hanno costruito MPL da una piccola azienda che una volta occupava metà di un piccolo ufficio in Soho Square a una formidabile forza editoriale che ora possiede e occupa l’intero edificio.

La compagnia fece la sua prima grande acquisizione quattro decenni e mezzo fa quando Lee Eastman – il padre di Linda e un potente avvocato dello spettacolo che rappresentava anche l’espressionista astratto Willem de Kooning – lo convinse ad acquistare il catalogo Edwin H. Morris per “A $ 15 milioni segnalati”, secondo il Washington Post .

MPL ora controlla oltre 25.000 canzoni – dal lavoro post- di McCartney alle canzoni di Buddy Holly , Fats Waller , Bert Berns e Bessie Smith.

La casa editrice, MPL Communications Inc., ha aiutato MPL Communications Ltd. a raccogliere oltre 350 milioni di sterline negli ultimi 25 anni, secondo i documenti finanziari del Regno Unito, con un di punta di 32,86 milioni di sterline ($ 52,25 milioni) nel 2014.

Le entrate comprendono le entrate del tour di McCartney, così come i suoi diritti d’autore dalla registrata, compresa quella dei Beatles; la ha ottenuto una royalty del 50% da EMI per streaming e vendite digitali, secondo fonti di , anche se ciò avrebbe potuto cambiare una volta che Universal ha acquistato EMI .)

Fonte
billboard.com