Passaporti elettronici: in cosa differiscono da quelli normali?

Tempo di lettura: 2 minuti

I indiani saranno presto in grado di richiedere un passaporto elettronico abilitato ai chip (passaporto elettronico). L’introduzione di tali passaporti con funzionalità di sicurezza avanzate fa parte della spinta del governo ad aumentare l’uso della e della digitalizzazione.

Annunciando lo sviluppo di recente, il ministro degli Esteri, il dott. S Jaishankar, ha dichiarato che “è in corso il processo di acquisizione per la produzione di passaporto elettronico”.

Ha aggiunto che l’introduzione di passaporti elettronici abilitati per i chip rafforzerà solo la sicurezza dei documenti di viaggio, sottolineando la necessità di accelerare il loro lancio.

Che cos’è il passaporto elettronico?

Un passaporto elettronico è una carta d’identità biometrica incorporata con un chip elettronico che contiene le stesse stampate sulla pagina dei dati del passaporto come il nome, la data di nascita e altri dettagli del titolare.

Anche i dati biometrici di un individuo vengono salvati nel chip. Il passaporto elettronico aiuterà i a eliminare la seccatura di stare in lunghe file presso i banchi dell’ in quanto può essere scansionato in pochi minuti.

Il governo ritiene che i passaporti biometrici aiuteranno a controllare la minaccia di frodi e passaporti falsi poiché sarà difficile per i truffatori modificare i dati registrati su di esso. Come? Bene, l’autenticazione del passaporto fallirà se qualcuno tenta di manomettere il chip. Un passaporto elettronico è inoltre progettato in modo tale che i dati su di esso non possano essere cancellati da remoto.

In che modo un passaporto elettronico è diverso da quello normale?

La maggior parte dei passaporti in tutto il mondo sono passaporti leggibili automaticamente, il che significa che portano informazioni stampate sulla pagina di identità, chiamata anche pagina di dati, che possono essere scansionate con un lettore ottico.

Nel frattempo, un passaporto digitale è lo stesso di un tradizionale con l’aggiunta di un chip intarsiato che trasporterà le informazioni personali del titolare così come i dettagli del viaggio. Insieme alle funzionalità di sicurezza digitale aggiunte, tra cui la biometria, i passaporti elettronici aggiungono un ulteriore livello di sicurezza che autentica ulteriormente l’identità del portatore e collega meglio il passaporto al suo proprietario.

Inoltre, nei casi d’uso, si prevede che il chip trasmetta i dati agli sportelli degli in pochi minuti e risparmi tempo e seccature da parte dei passeggeri e del personale dell’aeroporto.

Circa 120 paesi tra cui , e Germania dispongono già di sistemi di passaporto elettronico biometrici.

Il Ministero degli affari esteri dell’Unione (MEA) sta lavorando con Indian Press, Nashik e National Informatics Center per passaporti elettronici abilitati ai chip con funzionalità di sicurezza avanzate.

Più di 1,22 passaporti di tipo crore sono stati rilasciati nel corso del 2019 dall’autorità di rilascio dei passaporti (PIA) in India e all’estero, ha dichiarato il Ministero degli affari esteri in una nota.

Il numero totale di passaporti Kendras funzionanti nel paese è 517, tra cui 93 passaporto Seva Kendras (PSK) e 424 passaporto postale Seva Kendras (POPSK), ha detto.

Jaishankar ha affermato che l’obiettivo di MEA sarebbe quello di rafforzare ulteriormente gli sforzi di sensibilizzazione per avvicinare le persone ai servizi di passaporto aprendo più POPSK in tutto il paese.

Nell’ambito dell’esercizio globale di sensibilizzazione, MEA ha integrato i sistemi di rilascio dei passaporti in 70 missioni e poste all’estero, rilasciando oltre il 95% di passaporti all’estero.

Fonte: – businesstoday